Palermo, Silipo studia da nuovo Dybala: l’accostamento ardito di Boscaglia, il gioiello scuola Roma torchiato dal tecnico in ritiro…

Palermo, Silipo studia da nuovo Dybala: l’accostamento ardito di Boscaglia, il gioiello scuola Roma torchiato dal tecnico in ritiro…

L’allenatore del Palermo, Boscaglia punta molto sul talento classe 2001

silipo

Silipo studia da nuovo Dybala.

Un accostamento ardito, “con le dovute proporzioni e a patto che cresca tatticamente” si legge sull’’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, che in questi giorni si è lasciato sfuggire mister Roberto Boscaglia. L’ex tecnico del Trapani a Petralia Sottana ha praticamente creato una sorta di laboratorio tecnico-tattico soprattutto al fine di forgiare le potenzialità dei calciatori più giovani in organico.

Il giovane talento classe 2001, Andrea Silipo, viene spesso rimbrottato e pungolato dall’allenatore rosanero, che sposta il suo raggio d’azione sul terreno di gioco come una pedina sulla scacchiera. Boscaglia sta puntando molto sulle sue qualità tecniche del ragazzo ma non gli risparmia qualche bonario rimprovero: “Tutta questa tecnica non serve a niente se non ci sono i giusti movimenti”, “Se non mettiamo l’attaccante in porta in un certo modo sulla ripartenza avversaria siamo morti”. Quesi alcuni dei moniti più volte ribaditi durante le sedute di allenamento dal nuovo tecnico del Palermo.

Un trainig intenso in una fase di fisiologico apprendistato per il jolly offensivo prodotto del vivaio della Roma, un percorso simile a quello di Pastore con Delio Rossi o di Dybala con Iachini. L’attaccante, che dal mister viene utilizzato come estremo destro del tridente e talvolta anche come punta, in campo ha tutte le carte in regola per far male all’avversario. Se vengono rispettate le nozioni insite nel modulo tattico applicato, comunque qualche numero ad effetto è concesso, a patto che non diventi la regola perché Boscaglia ha ribadito più volte ai suoi calciatori: “… in ritiro si facciano le cose che si faranno in partita, sbagliare gol facili per futilità equivale a morire”.  Silipo non fa una piega e assorbe con entusiasmo ed attenzione ogni dettame impartito dal proprio akkenatore, consapevole che questa è l’unica strada da percorrere per mettere a frutto le sue qualità e diventare il prima possibile un giocatore di livello pari al suo indiscutibile talento.

Palermo, le parole chiave di Boscaglia: linea alta e sincronia. Silipo il jolly del tecnico rosanero

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy