Palermo, servono 8,2 milioni per l’iscrizione al campionato: il Cda convoca i soci

Palermo, servono 8,2 milioni per l’iscrizione al campionato: il Cda convoca i soci

Il Cda convoca l’assemblea dei soci per l’aumento di capitale e cerca un accordo per la fideiussione: inviata anche la documentazione al Comune per la convenzione del “Renzo Barbera”

Un’altra settimana per il semaforo verde. Il consiglio di amministrazione del Palermo ha convocato per il 18 giugno l’assemblea dei soci, che dovrà sottoscrivere (ma soprattutto versare) poco meno di dieci milioni nel capitale del club

Con queste parole si apre l’edizione odierna de Il Giornale di Sicilia che riporta come, per la precisione, sarebbero necessari circa 8,2 milioni di euro per l’iscrizione del Palermo Calcio al prossimo campionato di Serie B. A confermarlo è stato lo stesso presidente del club rosa Alessandro Albanese, al termine della breve riunione del Cda avvenuta nella sede di Viale del Fante:

Venti minuti al telefono con gli altri componenti del Cda per deliberare all’unanimità i pochi punti previsti all’ordine del giorno, che oltre alle mosse per garantire la presenza del Palermo nel prossimo campionato di Serie B ha toccato argomenti quali il saldo dei 20 milioni di credito ex Alyssa e l’utilizzo del «Barbera» per la prossima stagione. Nodi necessari per completare la documentazione richiesta dalla Federcalcio, con due scadenze improrogabili: entro lunedì va depositato il contratto di concessione dello stadio e sette giorni dopo, il 24 giugno, scatterà il dentro o fuori per la licenza“.

(Palermo, dentro il CdA del club rosanero: fissata la data per l’assemblea dei soci. Scadenze, Alyssa e creditori. Il nodo Damir…)

Per quella data la società di Viale del Fante dovrà assolutamente essere messa in totale sicurezza e l’obiettivo primario della nuova proprietà targata Arkus Network sarebbe proprio questo, tant’è che per martedì prossimo verrà convocata l’assemblea sia per il club rosanero che per Sporting Network, ossia la ‘capogruppo‘ che detiene le quote del Palermo Football Club:

Da lì devono partire i soldi necessari per tappare le falle che, allo stato attuale delle cose, comprometterebbero il benestare da parte della Covisoc. Un passaggio che dipende dall’immissione di soldi freschi nelle casse societarie. Martedì prossimo l’assemblea dei soci dovrà deliberare l’aumento di capitale, da sottoscrivere e versare nei giorni seguenti per poter arrivare al traguardo del 24 giugno in tutta tranquillità. Il Palermo, però, non deve fare solo i conti con le proprie finanze. Entro lunedì bisogna infatti depositare la documentazione comprovante «il contratto, la convenzione d’uso o un documento equivalente relativo all’impianto che si intende utilizzare», ovverosia lo stadio «Barbera», nel quale i rosanero hanno disputato le gare casalinghe dell’ultima stagione sfruttando una proroga della concessione ottenuta dal Comune“.

(Palermo, parla Macaione: “Lavoriamo alla ristrutturazione della rosa e del debito. Alyssa e il nuovo stadio…”)

A tal proposito, sempre secondo quanto riferito stamani sull’argomento dal noto quotidiano regionale, nella giornata di ieri il consiglio di amministrazione del club siciliano avrebbe inviato all’amministrazione comunale una lettera all’interno della quale si farebbe richiesta d’utilizzo dell’impianto sportivo (lo stadio “Renzo Barbera“) pure per la stagione 2019/20 e, contestualmente, avrebbe anche fornito una documentazione in merito ai componenti della nuova società ed ai proprietari del club rosanero. Il parere sarebbe atteso entro questa settimana, in modo da poter depositare tutta la documentazione necessaria presso la Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi nei tempi previsti proprio dalla Figc:

Entro lunedì serve la concessione dello stadio, poi bisognerà provvedere anche ad una fideiussione da 800 mila euro (per la quale il club di viale del Fante starebbe cercando un accordo con una società assicurativa) e al pagamento di circa 5,5 milioni tra stipendi, ritenute Irpef e contributi di giocatori e tecnici. La questione principale, però, rimane legata ad un aumento di capitale che i soci saranno chiamati a deliberare tra una settimana esatta. Ad oltre un mese dall’acquisizione delle quote, il passo decisivo per iscrivere il Palermo al prossimo campionato di Serie B si terrà a sei giorni dalla decorrenza dei termini previsti dalla Federazione“.

Approfondisci qui: (Albanese: “Con l’aumento di capitale si mettono in atto le condizioni per l’iscrizione. Tacopina? Preferisco…”)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy