Palermo nel baratro, Pino Caruso: “Zamparini? La colpa è dei palermitani”

Il punto di vista dell’attore palermitano: “Zamparini ha sempre fatto gli affari suoi e solo i suoi, fregandosene dei tifosi. In teatro, al cinema, in tv, quando uno spettacolo è brutto, il pubblico non ci va. Sono arrivato al paradosso di temere che…”

“Non è colpa di Zamparini, ma dei palermitani”.

Esordisce così Pino Caruso che, rispondendo a un post su Facebook al termine della gara strapersa dai rosanero di Bortoluzzi contro la Lazio, ha voluto fornire il suo punto di vista in merito al momento attraversato dal club siciliano.

“La colpa – precisa – è dei palermitani che non hanno mai protestato contro di lui (come? lasciandogli lo stadio deserto, per esempio). In teatro, al cinema, in tv, quando uno spettacolo è brutto, il pubblico non ci va. Zamparini ha sempre fatto gli affari suoi e solo i suoi, fregandosene dei tifosi (anche di quelli che stanno all’estero) anzi offendendoli con il suo modo egoistico di gestire la squadra“.

“Palermo calcisticamente parlando, ha un bacino di utenza, una quantità potenziale di pubblico inferiore solo a Napoli – prosegue Caruso -. Chiarisco: Roma e Milano, in quanto ad abitanti, sono città più grandi di Palermo, Torino e Genova, o sono più grandi o si equivalgono. Ma… c’è un ma: Roma, Milano, Torino, Genova hanno tutte due squadre. Senza contare Verona, che, pur essendo più piccola di Palermo, ha anch’essa, due squadre (Verona e Chievo). Per non parlare di Sassuolo, Udine, Empoli, Crotone, Pescara, Bergamo, che sono o più piccole o pari persino ad Alcamo, Termini Imerese. Ergo: Palermo dovrebbe avere una squadra in lotta per almeno le prime cinque, sei posizioni di classifica. Ma per ottenere questo risultato bisogna programmarlo: creare una solida struttura permanente di squadra, intorno alla quale annualmente provvedere ad acquisti (e vendite) che la rendano competitiva ad alti livelli. Cercare giovani di talento, scovarli e comprarli a basso costo, va benissimo: Quello che invece non va è vendere ogni anno tutti i migliori e sperare che i nuovi acquisti si rivelino azzeccati“.

US Citta di Palermo v Cagliari Calcio - Serie A

“Insomma, lo Zamparini non è il presidente di una squadra di calcio, ma il proprietario di un supermercato di calciatori. Mi fa tenerezza e rabbia vedere alcuni miei concittadini che vanno allo stadio con maglietta, fasce rosanero e bandiera e trombette varie, avallando inconsapevolmente, il comportamento cinico e scorretto di Zamparini – scrive Caruso -. Tutto questo è umiliante e offensivo. Sono arrivato al paradosso di temere che un giocatore del Palermo si riveli campione: Zamparini lo venderebbe subito. L’Europa è piena di campioni ex giocatori del Palermo. Tra l’altro sono convinto che se Zamparini avesse alzato il livello degli investimenti avrebbe anche accresciuto gli incassi (dal botteghino, dalla FIGC, da Sky, dagli sponsor). Invece, non ha voluto rischiare nulla. Purtroppo, alcuni miei concittadini quasi lo ringraziano per il solo fatto che il Palermo è in serie A, senza rendersi conto che così dicendo trattano se stessi da mendicanti, cui un generoso donatore facesse l’elemosina“.

Palermo 2017-18, scegli tu chi far rimanere: ADDIO o RESTA? Vota il sondaggio

“Un po’ più di amor proprio creerebbe le condizioni per le quali chiunque compri e gestisca il Palermo calcio, abbia il rispetto che si deve ai tifosi di Palermo città e agli altri palermitani (e siciliani) emigrati in tutto il mondo – spiega Caruso -. La scorrettezza di Zamparini arriva al punto di cambiare continuamente allenatore, per scaricare le sue responsabilità su altri. La squadra, questa squadra che perde quasi con chiunque, gioca con impegno, ci mette l’anima, ma è inferiore e non può fare miracoli, nemmeno se ad allenarla scendesse dal Pellegrino Santa Rosalia. In sintesi, se non sei Dante Alighieri, non puoi scrivere “La Divina Commedia“.

19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. mau49 - 4 anni fa

    Il signore.Baccagnini deve capire che alcune affermazioni dei tifosi sono il frutto della ruggine accumulata in virtù di un comportamento intriso di menzogne e prese di fondelli,che farebbero o hanno fatto irritare ed offeso il più tollerante dei “Santi”. È lecito da parte nostra un atteggiamento difensivo.Attendiamo,purtuttavia,sviluppi a corto raggio che ci ridia dignità e fiducia e soprattutto la consapevolezza di un serio progetto che ci veda protagonista.Poi Palermo saprà ricambiare con quel spontaneo affetto e riconoscenza che il friulano ha calpestato ignobilmente. Grazie!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mistero - 4 anni fa

    Lo stesso Baccaglini va dicendo in giro che i tifosi del Palermo applaudono sempre e si divertono sempre… che si vinca o si perda (cioè sono fissa)! Per quello che mi riguarda il tempo delle prese per il c*lo è finita! O si allestisce una squadra competitiva, ma anche un po’ meno competitiva purché formata da soli giocatori palermitani (che amano i colori e la tifoseria) o altrimenti le partite se le vedono quelli che amano essere presi per i fondelli. Ci sono squadre de serie A con tifoserie ridicole, vedi il Chievo, il Sassuolo, l’Empoli stesso e una città grande come Palermo deve assistere a questo scempio …. boh?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fabryrosanero - 4 anni fa

    Ormai protestare non serve a niente….si doveva protestare ad Agosto, durante il calciomercato…Bisogna non andare allo stadio fino alla prossima stagione e a metà del prossimo calciomercato, se non si vedono acquisti inutili, cominciare a protestare seriamente anche se sempre civilmente…sempre se esisterà un Palermo calcio…auguriamocelo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Silipo - 4 anni fa

    Che dire…..ha detto la sacrosanta verità, siamo imbecilli! Ma da secoli!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giofalcon - 4 anni fa

    in diversi sin dall’inizio della stagione abbiamo criticato aspramente questa squadra e questo modo di gestire il palermo calcio, avendo contro anche ampi settori di tifosi che erano vicini e legati a zamparini per il sol fatto di avere riportato il palermo in serie A.
    nessuno credo possa non ammettere che i primi anni di questo presidente sono stati abbastanza positivi ed in alcuni momenti esaltanti, ma subito dopo la finale di coppa italia tutto è cambiato e si sono messi in evidenza le sempre presenti negatività di questo uomo che, forse prima, si intendeva di calcio e che da sempre però ha guardato il proprio tornaconto ed il proprio portafoglio, ed allora via tutti i pezzi pregiati o che erano in fase positiva per ipotetici equilibri di bilanci, anche se in TANTI non capiamo e non capiremo MAI dove sono andati tutti i soldini delle vendite pregiate!!!!
    In ultimo, lo ho scritto da sempre, a chi basa tutto sul portafoglio come zamparini, non possiamo che controbattere con la stessa moneta SE DAVVERO VOGLIAMO MANDARLO VIA: niente biglietti, niente stadio, niente abbonamenti, stadio vuoto e desolante anche alla luce delle ignobili farse che si stanno consumando a scapito dei nostri colori, dall’atteggiamento di giocatori mercenari e davvero SCARSI (a parte 2-3 giocatori), all’ennesima presa per i fondelli di una vendita inesistente!! abbiamo avuto soltanto un nuovo volto che ci ha chiesto l’ennesima fiducia a fronte di …. NULLA!!! potevano prendere qualche svincolato di esperienza e ci saremmo salvati, ma il vero obiettivo era chiaro ormai a tutti, i soldi del “paracadute”, alla faccia dei nostri colori e della nostra DIGNITA’ ……
    se vi piace davvero il trattamento ricevuto, allora continuate a pagare un biglietto per uno spettacolo INDEGNO e MORTIFICANTE, io chiudo pure l’abbonamento a sky…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Max Battaglia - 4 anni fa

    Un altro che dice che i tifosi a Palermo sono tanti…….I veri tifosi sono 8000 cioè chi è sempre presente da 3 anni a qua…E coloro che sono all’estero….Il resto ti prendono per il culo l’indomani di sconfitte e retrocessione al bar e sui social….E poi sono tifosi delle strisciate…..A noi del presidente o dei giocatori poco importa…..Amiamo fottutamente il Palermo……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. spargi49 - 4 anni fa

    Perché i miei commenti rimangono per giorni in moderazione,sono sempre molto educato e non offendo mai nessuno, comunque da quanto siete Gazzetta partecipare è diventato problematico,lo si nota anche dal numero dei partecipanti,regolatevi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Fabryrosanero - 4 anni fa

    Non fa una piega

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. sam7002 - 4 anni fa

    Non ci resta che retrocedere con dignitá cosa che probabilmente succederá a Crotone, Pescara ed Empoli che almeno potranno dire ….noi ci abbiamo provato. Incredibile la fine indignitosa che sta vedendo la societá calcio Palermo che soltanto pochi anni fa faceva tremare ogni squadra di serie A.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. spargi49 - 4 anni fa

    Caro,Pino Caruso,hai perfettamente ragione,se un film e brutto nessuno lo vede così il teatro o la tv,ma con la squadra del cuore è più difficile essere distaccati,ci sono anni di passione alle spalle,anche se con questi risultati anche quella si affievolisce.Zamparini ha scelto di lasciarci dove ci aveva preso,senza ne frattempo vincere niente,così non avremo bisogno di ringraziarlo,già ad agosto i tifosi sapevano che sarebbe stata un’annata disastrosa,perché la squadra che si era salvata negli ultimi 10 minuti non era stata rinforzata,anzi indebolita dalle partenze di Vazquez,Gilardino,Sorrentino,Maresca,con l’aggiunta in gennaio di Hiliemark ( poco male) e Quaison che stava iniziando a fare gol e allora meglio passare all’incasso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. MediaInglese - 4 anni fa

    Vero e ben detto, ma tardivo! Gli elementi più rappresentativi di questa città hanno taciuto e colpevolmente ancora tacciono. Il calcio è gioco , è sport, ma ha grande valenza simbolica. Non può essere lasciato al suo destino, alla nicchia dei suoi tifosi di oggi, senza domani certo e senza alcuna rilevanza nè sportiva, nè sociale nè educativa per le giovani generazioni. C’è un costo in termini di identità di cui questa dirigenza attuale deve rispondere, ed è un conto salato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. mau49 - 4 anni fa

    Ben detto.Papale,papale è ciò che tutti noi tifosi dovremmo dire e fare.Questo signore,si fa per dire,ha da sempre fatto solo i suoi affari.Chi l’ha capito da subito è stato aspramente criticato.Adesso lui fa l’offeso in realtà è l’unico responsabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. malcommix - 4 anni fa

    Analisi perfetta oltre libera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. vabbe' - 4 anni fa

    sottoscrivo al 100%…ho sempre sostenuto che una parte di noi ha dato credito senza limiti a questo mercante ; perche’ questo è…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. meobridge - 4 anni fa

    Quello che più mi fa male è che uomini che dovrebbero capire di calcio ancora difendono Zamparini dicendo che è un esperto di questo santo gioco……come il direttore sportivo che si è finto ammalato ed ilpadre deltelecronista sportivo…. forse lo era adesso è solamente un vecchio e rancoroso acido avaro completamente fuso. Uno che vende Belotti per otto milioni come lo vuoi definire uno che allestisce una simile squadra e vende gli ultimi mezzi giocatori come lo vuoi definire …..non voglio scendere nel turpiloquio…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mau49 - 4 anni fa

      Al di là del prezzo di Belotti invece questo individuo innominabile capisce talmente bene che ha allestito un’accozzaglia di giocatori spacciandola per squadra competitiva.In realtà del Palermo non gliene frega nulla da sempre.Ha solo un obiettivo,la villa moneta è la sua visibilità.Stop!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Roberto Lo Porto - 4 anni fa

    Ha ragione !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. gianni - 4 anni fa

    OK, BRAVO PINO, SONO PIENAMENTE D’ACCORDO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. saven.save_94 - 4 anni fa

    parole misericordiose! grazie di tutto

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy