Palermo, Mirri: “Vincerò in modo diverso, in B entro due anni. Di Piazza? Compro io le sue quote. Boscaglia e Martinelli…”

Palermo, Mirri: “Vincerò in modo diverso, in B entro due anni. Di Piazza? Compro io le sue quote. Boscaglia e Martinelli…”

Il presidente del Palermo, Dario Mirri, fa in punto su squadra, allenatore e campionato

Dario Mirri

Il numero uno del Palermo, Dario Mirri, senza peli sulla lingua.

Il presidente dei rosanero ha fatto il punto della situazione sul suo progetto legato al club di Viale del Fante: squadra, allenatore e campionato. Ai microfoni de La Gazzetta dello Sport ha rilasciato le seguenti dichiarazioni.

La fortuna è una componente determinate oltre che per la vita anche per la nostra squadra. Oltre alle competenze, capacità tecniche ed economiche, ci vuole anche la fortuna». Alla sua prima esperienza da presidente di una squadra di calcio, a circa un anno dall’inizio di questa nuova e affascinante avventura, Mirri stila un piccolo bilancio consuntivo: “Mi rendo conto che i risultati sono determinanti e sono il motivo che muove tutto. Ho però la convinzione, come un anno fa, che è il modo di ottenerli a fare la differenza. La mia ambizione è raggiungerli in modo diverso, attraverso fondamenta solide e non effimere legate a campioni che vanno e vengono, ma con una società che ha una sua identità, un suo patrimonio culturale, morale e di conseguenza sportivo. A livello personale, sono più carico e ho più convinzione che il Palermo otterrà grandi risultati”.

Ovviamente, come accade spesso, in corsa possono cambiare gli obiettivi o meglio la strada che ai aveva in mente di percorrere per raggiungerli.

In effetti, inizialmente, il club di proprietà di Hera Hora  pensava di poter arrivare in Serie A in tre anni, ma adesso si è paventata ragionevolmente la possibilità di raggiungere la Serie B in due stagioni.

“Ci rendiamo conto che ci sono tanti ostacoli. Bisogna stare con i piedi per terra, oggi più di allora. Se ho tenuto un profilo basso e non arrogante è per non illudere. Magari andiamo in B quest’anno, se non ci riusciamo non deve essere la demolizione di un progetto. …Noi vogliamo provare ad arrivare in A tra due anni, ma non possiamo affermare che ci riusciremo per fare più abbonati.

Il Palermo che sta nascendo è una squadra prevalentemente giovane «Il know-how di Castagnini e Sagramola è molto focalizzato sui giovani. Non vuol dire che sia una scelta low cost, perché ci sono giovani che da noi guadagnano di più di alcuni over. I giovani sono più flessibili, apprendono di più da un grande allenatore come Boscaglia, hanno più energie e sono più spensierati. Faremo un mix giovani ed esperti con grande attenzione ai giovani, perché hanno qualcosa in più. Ma servono anche le basi solide di una società: dirigenti, allenatore di alto livello e giocatori d’esperienza. Da tifoso so che un gran nome dà più sicurezza. Lucca, però, per me è una sicurezza, Silipo è una sicurezza. Siamo una società appena nata, il Covid-19 ha stravolto equilibri economici, non faremo il passo più lungo della gamba, questo è certo». Riguardo la ricerca di un nuovo bomber, Mirri aggiunge «Per adesso conto 7 attaccanti, con Felici che spero arrivi, adesso gli sforzi dobbiamo concentrarli in mezzo al campo, soprattutto dopo l’assenza di Martinelli». Proprio sulle traverise di quest’ultimo, il patron rosanero afferma: “Il suo problema è l’unica nota dolente di questo inizio stagione. Manca una persona troppo importante, come giocatore e come uomo. Attendiamo gli esiti degli ulteriori esami».

Sagramola: “Martinelli si sottoporrà a visita specialistica, lo aspettiamo. Broh? Ecco quando arriverà”

Un investimento economico quello fatto per il Palermo, ma nonostante questo c’è chi dice che non ci soldi per una società di alto livello «Ho messo 2,8 milioni di euro per salvare il Palermo e poi con Di Piazza ne abbiamo messi, in un anno e mezzo, rispettivamente 7 e 3. In totale io ne ho spesi 10. Non credo che ci sia un imprenditore che avrebbe potuto fare meglio di noi, altrimenti bastava presentarsi al bando. L’anno scorso la Reggiana ha battuto il Bari spendendo un quarto, il Vicenza ha speso molto meno del Padova, la Reggina ha vinto spendendo la metà del Bari. L’aspetto economico è importante ma dipende da come si spende». Rispetto alla questione ed alla nota diatriba con l’altro socio, Tony Di Piazza, Mirri afferma «È un rapporto iniziato con regole chiare che non possono cambiare in corso d’opera. Di Piazza ha detto che vuol vendere, noi che vogliamo comprare, sono temi complessi, non risolvibili nell’immediato. È un percorso iniziato in un modo e si concluderà in un altro. Come? Con l’acquisto delle quote da parte mia. Anche se è difficile avviare una trattativa, visto che in 12 mesi Di Piazza ha cambiato quattro avvocati».

Palermo, parla Di Piazza: “Pronto ad investire, ma ad una condizione. Le mie quote a Ferrero? La verità…”

Si preannuncia un campionato ricco di insidie e complicato a contribuire anche la presenza della corazzata Bari «Un anno di esperienza e il ruolo di favoriti spostano la pressione su di loro. Non ci tiriamo indietro. Sarà un Palermo bello, ma sofferto. Dovremo pensare al metro e non al chilometro, passo dopo passo con fatica e sacrificio». Lunga la trattativa per arrivare a quello che è oggi il nuovo tecnico, Roberto Boscaglia «… Era giusto che l’Entella facesse le proprie valutazioni, per noi è stato sempre l’obiettivo principale, ma abbiamo dovuto parlare con altri allenatori. È un siciliano come noi e ha voglia di vincere come noi. È già uno di noi».

VIDEO Ritiro Palermo, Mirri: “Riapertura stadi e centro sportivo, vi dico tutto. Nostro obiettivo…”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sbt5 - 3 settimane fa

    In b entro due anni……
    Vieni domani e troverai così.
    Hai finito di incantare le persone con le chiacchiere..
    Non sri una persona credibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy