Palermo, Liverani esalta Felici: “È devastante, mi ricorda Josip Ilicic. Futuro? Tornerà a Lecce”

Palermo, Liverani esalta Felici: “È devastante, mi ricorda Josip Ilicic. Futuro? Tornerà a Lecce”

Il tecnico del Lecce ha consigliato al giovane ’01 di andare a Palermo, una scelta che può solo giovare alla crescita del ragazzo romano

Liverani

Mattia Felici è senza alcun dubbio l’uomo del momento.

Palermo: i rosanero e la strategia da trasferta, al “Barbera” contro l’Acireale può arrivare il titolo d’inverno

Il giovanissimo calciatore romano d proprietà del Lecce sta stupendo tutti con le sue giocate che sono state determinanti nelle ultime due gare contro ACR Messina e Giugliano. Il Palermo ha conquistato due vittorie di misura (1-0) grazie proprio al talentino classe 01′ che si è fatto carico del reparto offensivo rosanero, per sopperire alle assenze di diversi calciatori a causa di squalifiche e/0 infortuni.

Palermo, record italiano: difesa da trasferta, un solo gol incassato. In Europa solo il Sedan meglio dei rosanero

A sponsorizzare Felici ci ha pensato Fabio Liverani che gli ha consigliato fortemente l’esperienza a Palermo, come dichiarato proprio dal tecnico del Lecce attraverso le colonne dell’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport’.

“Lui cresce nella mia scuola cacio dopo essere passato dalla Lazio, giocava nella Pro Roma nei dilettati, lo abbiamo visto e preso. Ha fatto due anni da noi, ha vinto il campionato regionale con gli Allievi facendo più di 30 gol. Era già pronto per misurarsi con i professionisti, quindi l’ho fatto venire a Lecce, in Primavera, la scorsa stagione, ma già da gennaio l’ho aggregato alla prima squadra. Appena Sagramola ci ha contattato ho pensato che per lui era arrivato il momento di misurarsi con i grandi. Mattia mi ha chiesto perché sapeva dei miei trascorsi a Palermo. Per lui era un’occasione unica. Palermo in D è meglio di una qualsiasi Serie C. Siamo contenti per lui e che stia iniziando a segnare qualche gol. Mi fa piacere che la rinascita del Palermo passi anche da un una ragazzo cresciuto con me. È particolare, ha la giocata, vede la porta, ma non ha una soluzione tattica definitiva, può fare la seconda punta, trequartista e l’esterno, però più sta dentro al cuore dell’azione meglio è. Ha passo e gamba, è devastante, va più veloce con la palla che senza. Mi ricorda molto Ilicic, per quanto le distanze tra i due siano enormi ancora. A fine anno? Torna alla base, sperando che il Palermo abbia vinto il campionato, ma non ho dubbi. Poi tra Palermo e Lecce si può mettere in piedi un discorso per la crescita insieme di categoria che può fargli solo bene. Già è un beniamino? So cosa può dare Palermo e Mattia ha bisogno di sentirsi amato e stimolato”.

Giugliano-Palermo, orgoglio Di Piazza: il messaggio del vicepresidente rosanero e l’elogio alla squadra

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy