Palermo, l’inizio fa scattare l’allarme: guai e infortuni, ma c’è un errore da non commettere

L’analisi de ‘La Gazzetta dello Sport’ sul momento della compagine siciliana

“Palermo tra guai e infortuni. L’inizio fa scattare l’allarme”.

Titola così l’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport’, che punta i riflettori sulla falsa partenza dei rosanero in campionato. Un avvio di stagione decisamente da dimenticare per la squadra di Roberto Boscaglia. Zero le vittorie conquistate, un solo punto in classifica e zero gol segnati dopo tre partite.

“E’ opportuno che in società, dal presidente ai dirigenti, si faccia un bell’esame di coscienza per capire se si sarebbe potuto agire in modo diverso. Non è in discussione la scelta dei giocatori che in questa categoria possono anche recitare un ruolo importante, così come la politica di puntare su svincolati e prestiti, soprattutto se di valore, per alleviare il bilancio. […] Il tema principale è come si è arrivati a costruire una squadra che dopo 4 giornate di calendario deve essere ancora ultimata”, scrive il noto quotidiano sportivo.

Inoltre, “quello che preoccupa è anche la gestione del quotidiano con gli allenamenti svolti per scelta sul sintetico di Carini che sta facendo più danni della grandine”. Sono diversi, infatti, i calciatori fermi ai box a causa di problemi di natura muscolare. Infortuni che hanno costretto Boscaglia ad accantonare il 4-2-3-1 e adottare il 3-5-2. E adesso, la compagine siciliana è chiamata ad un vero e proprio tour de force: i rosanero, nel giro di due settimane, dovranno affrontare sei partite con due turni infrasettimanali. Ma c’è un errore da non commettere: “addossare le colpe al tecnico e al suo staff”.

Il castello di coralità, indole propositiva e audacia calcistica che mira a costruire il tecnico gelese deve ancora consolidare pilastri e fondamenta. Un processo graduale e complesso che necessità di tempo. Ragion per cui, “per vedere questa squadra a pieno regime […] dovrà passare almeno un mese”, conclude la Rosea.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy