Palermo, l’incubo continua: domani un altro giro di tamponi, recupero con il Potenza a rischio

Con altre due positività ci sarebbero gli estremi per il rinvio della gara

“Una domenica da incubo”.

Titola così l’edizione odierna del ‘Giornale di Sicilia’, che punta gli occhi in casa Palermo. Nella giornata di ieri, dopo l’ennesimo ciclo di tamponi, sono stati individuati due nuovi calciatori e due nuovi membri dello staff positivi al Coronavirus. Esiti che vanno ad aggiungersi ai tesserati già risultati positivi e comunicati negli scorsi giorni. “Numeri preoccupanti, ma non abbastanza da garantire il rinvio della sfida di giovedì col Potenza. Per quello, bisognerà attendere il nuovi test in programma domani. Al momento, i rosanero hanno quattordici giocatori negativi (compresi i quattro ragazzi della Primavera convocati con la prima squadra). E da regolamento, ad oggi, la prossima gara si giocherebbe.

I negativi, come da protocollo, si sono allenati sia sabato, sia ieri. “D’altronde, per il Palermo è una settimana pre-partita a tutti gli effetti, viste le condizioni attuali”. Intanto, l’Asp sta continuando a monitorare ciò che sta avvenendo all’interno del gruppo squadra, “ma finché non saranno effettuati i tamponi previsti a 48 ore dalla prossima partita (dunque domani), ogni questione relativa allo svolgimento della prossima sfida col Potenza rimane un’incognita”, si legge. Ragion per cui, il rischio di un nuovo rinvio non è da escludere.

“Le sedute al ‘Barbera’, ovviamente, sono al limite del surreale, non essendoci abbastanza giocatori a disposizione per lavorare come in una normale settimana pre-partita. Al di là delle questioni numeriche, però, l’atmosfera che si respira anche solo all’esterno dello stadio è pesante. […] Finora nessuno dei diciannove positivi ha destato particolari preoccupazioni e tutti attendono la fine della quarantena per poter effettuare i nuovi esami”, prosegue il noto quotidiano. Dieci giorni che per nove calciatore e per il tecnico Roberto Boscaglia termineranno sabato.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. spargi49 - 1 mese fa

    In questo momento di confusione,si gioca, non si gioca creato dalla lega di C ,vorrei ricordare che la suddetta ha imposto il numero massimo di atleti che una squadra può tesserare,22,elevati a 24 dopo le minacce di sciopero.
    È da ritenersi dunque non assimilati alla prima squadra i giocatori della primavera,in quanto non rientrano in pianta stabile nella formazione titolare,penso che non si debba considerare il fatto che qualcuno abbia fatto panchina e quindi si conta fra i titolari a questo punto non si rispetterebbe il limite Max di 24 giocatori,almeno io la penso così è possibile che io abbia torto ma non è una questione chiara.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy