Palermo, le scadenze per l’iscrizione incombono: Sporting Network, fin qui versato meno di un milione

Palermo, le scadenze per l’iscrizione incombono: Sporting Network, fin qui versato meno di un milione

Entro il 24 giugno i conti dovranno essere messi completamente a posto. Lo scorso 19 maggio annunciato l’aumento di capitale da 5 milioni, ne risultano versati solamente 945 mila, il tutto potrebbe esser solamente causa di un ritardo della Camera di commercio

Le scadenze per portare il Palermo all’iscrizione nel prossimo campionato incombono e la società attende le necessarie immissioni di capitale per riequilibrare i conti prima del 24 giugno, il giorno del dentro o fuori“.

Apre così l’edizione odierna de Il Giornale di Sicilia, parlando delle imminenti tappe che dovrà superare la società rosanero in vista dell’iscrizione al torneo cadetto. Il nodo da sciogliere è legato alla Sporting Network, società veicolo di Arkus Network che detiene il 100% delle azioni del Palermo Calcio. Tirato fuori l’argomento nel corso della conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico Pasquale Marino, l’amministratore delegato Roberto Bergamo ha cercato di fare chiarezza sull’argomento: “L’azienda, come deliberato e comunicato, sta mettendo in sicurezza l’Unione sportiva Città di Palermo con gli adeguati ripianamenti delle perdite e ricapitalizzazione“.

Palermo, cambia il curatore speciale: Fricano rinuncia, vicenda affidata a Guerrera. Le motivazioni

Il quotidiano regionale evidenzia: “Anche perché Sporting Network, che ha comunicato lo scorso 19 maggio di avere «integramente sottoscritto l’aumento di capitale» pari a 5 milioni e «versato il corrispettivo nelle casse sociali», risulta aver versato solo 945 mila euro. Questo è quanto si evince da una visura camerale effettuata lo scorso 4 giugno, secondo cui in data 3 maggio è stato sì sottoscritto e deliberato un capitale sociale di 5 milioni, ma il capitale versato non raggiungerebbe il milione di euro“.

Palermo, Foschi saluta: il ds prima di lasciare i rosanero fa un ultimo regalo…

Il mancato aggiornamento potrebbe però dipendere dai tempi tecnici della Camera di Commercio, visto che l’atto del 3 maggio (relativo all’acquisto del club di viale del Fante) è stato depositato diciannove giorni dopo l’avvenuta delibera da parte dei soci. L’ad rosanero ha poi aggiunto per concludere la vicenda: “A tempo debito vi daremo le informazioni complete come le abbiamo già date alle istituzioni di competenza. Siamo francamente molto tranquilli e molto sereni, il lavoro che dobbiamo fare è importante. Non semplice, ma sappiamo che binari percorrere – ha concluso Bergamo -. Adesso dobbiamo solo pensare a mettere la squadra al posto giusto, quindi in Serie A“.

Palermo, si progetta il ritiro estivo: al vaglio l’ipotesi Calabria

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy