Palermo, Kevin Cannavò in rampa di lancio: “Ho studiato La Gumina, adesso voglio rubare il mestiere a Nestorovski”. Porchia lo elogia…

Palermo, Kevin Cannavò in rampa di lancio: “Ho studiato La Gumina, adesso voglio rubare il mestiere a Nestorovski”. Porchia lo elogia…

Le parole del giovane attaccante classe 2000 che con la maglia della Primavera del Palermo ha già messo a segno sei reti in questo inizio di stagione

Kevin Cannavò è uno dei prospetti più interessanti del settore giovanile rosanero.

Il giovane attaccante 2000 nella scorsa stagione in Primavera 2 ha trascinato i rosanero alla promozione con 13 reti in 23 gare ed in questa stagione è ripartito con lo stesso piglio. La squadra di Scurto sta impressionando sia dal punto di vista caratteriale che dei risultati, grazie a grandi imprese come la vittoria in trasferta contro la Juventus. Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Cannavò racconta di aver studiato dal suo ex compagno Antonino La Gumina: “Nino l’ho studiato parecchio negli anni scorsi, ma adesso cerco di rubare il mestiere a Nestorovski che in area di rigore è davvero formidabile. Da piccolo il mio idolo era Kakà, ma mi piace anche Reus perché ho giocato spesso da ala sinistra“.

Le 6 reti in otto gare messe a segno da Cannavò in questo inizio di stagione hanno spinto il Palermo fino al quarto posto in classifica, ma il giovane attaccante ha un sogno nel cassetto: “Il sogno è un gol sotto la curva in un Barbera strapieno. Spero di ripercorrere le orme di La Gumina che ora sfida i campioni del calcio italiano“.

Nativo di Partinico, gli scout del Palermo lo hanno trovato nel 2015 quando militava nell’Adelkam, adesso cerca di rubare anche i segreti di Roberto Stellone che in questi giorni lo ha aggregato alla Prima squadra: “Questo è un bel privilegio. Stellone è stato un grande attaccante e cerco di seguire ogni suo suggerimento

Cannavò è un ragazzo maturo per la sua età, ma deve ancora crescere. Dello stesso avviso è anche il responsabile del settore giovanile del Palermo, Sandro Porchia: “Già, anche perché Kevin ha ancora parecchi margini di miglioramento. È un attaccante moderno ed esplosivo, ma essendo un 2000 non è ancora strutturato dal punto di vista fisico. In cosa deve migliorare? Soprattutto nel gioco di squadra“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy