Palermo in Serie C, Sasà Salvaggio: “La città punita e Zamparini si salva, che beffa. Tutti uniti per ripartire”

Palermo in Serie C, Sasà Salvaggio: “La città punita e Zamparini si salva, che beffa. Tutti uniti per ripartire”

Il comico palermitano, Sasà Salvaggio, commenta la dura decisione del TFN ai danni del Palermo Calcio

Palermo Calcio in Serie C.

Durissima la sentenza del Tribunale Federale Nazionale della FIGC in merito al deferimento della società di viale del Fante sull’illecito amministrativo contestato dalla Procura al club stesso arrivata ieri pomeriggio: rosanero retrocessi all’ultimo posto della classifica del campionato di Serie B appena concluso, e dunque in terza categoria.

Qualche ora più tardi, il Consiglio direttivo della Lega Serie B, ha deliberato all’unanimità di rendere immediatamente esecutiva la decisione del TFN e di procedere con le partite dei playoff con le date programmate lo scorso 29 aprile. Non si giocheranno, invece, i playout. Dunque, le quattro squadre retrocesse in C sono Foggia, Padova, Carpi (come deciso dal campo) e Palermo (come deciso dalla giustizia sportiva).

La notizia ha scosso chiaramente tanti personaggi legati al mondo rosanero, che si sono già adoperati per commentare l’accaduto, tra questi anche il comico palermitano Sasà Salvaggio, che intervenuto ai microfoni del ‘Giornale di Sicilia ‘ ha provato a guardare oltre: “La città esce con le ossa rotte e Zamparini invece si salva, è una vera beffa. Il prossimo anno mi abbonerò, ci sarà bisogno di tutti per ripartire”.

Un accanimento nei confronti del Palermo: “A questo punto anche la Covisoc va indagata. Nessuno ha controllato questi bilanci? Allora tutti possono falsificare senza accorgersene, dovrebbe cadere un sistema. Si accorgono di questo prima dei play-off dopo quattro anni. Dovrebbe cadere tutto il sistema se nessuno s’ è accorto che i bilanci erano stati falsificati”.

“Lo scorso anno il Frosinone ha dato un esempio di anti sportività unico al mondo e non è successo nulla – ha proseguito il comico -. Al Parma illecito sportivo e nulla, come se ognuno potesse chiamare i giocatori. Il Chie vo ha preso solo tre punti di penalizzazione, a Palermo ci sono i cretini che pagano per tutti – ha concluso Sasà Salvaggio -“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy