Palermo in Serie C, la Corte della discordia fa tremare i rosa. Il giudice Caso: “Sarò terzo e imparziale”

Palermo in Serie C, la Corte della discordia fa tremare i rosa. Il giudice Caso: “Sarò terzo e imparziale”

La nuova composizione del collegio dopo l’astensione di Santoro, mercoledì l’udienza per il futuro del club di Viale del Fante

Continua a tenere banco il caso relativo alla possibile retrocessione del Palermo Calcio in Serie C.

L’astensione di Sergio Santoro ha certamente allungato l’attesa per il verdetto relativo alle sorti club siciliano e provocato un grosso cambiamento all’interno del collegio giudicante della Corte federale d’appello, con l’ingresso di un membro originario di Salerno. Una notizia che certamente non ha fatto piacere ai tifosi palermitani, visti e considerati i possibili vantaggi che la Salernitana potrebbe ricevere da una conferma della retrocessione in Serie C proprio dei rosanero. La rettitudine e la correttezza del giudice Luigi Caso però, intervistato da Il Giornale di Sicilia, non devono essere messe in discussione dal suo luogo di nascita: “Faccio il magistrato da circa trent’anni, ho gestito cause grosse su grandi appalti e questa non è certo la prima di una determinata rilevanza. Non ho mai avuto problemi nell’essere sempre terzo e imparziale, quindi non sono turbato. Mi comporterò con correttezza, come sempre“.

(Palermo in Serie C, la Procura Federale vuole processare Zamparini: le ragioni dietro al ricorso)

Nessuna retromarcia, quindi, a differenza del presidente Santoro, astenutosi per la pubblicazione di alcune notizie relative ad un’inchiesta all’interno della quale risulterebbe essere indagato, e di una concittadina dello stesso giudice Caso. Virginia Zambrano, presidentessa della quinta sezione del Collegio di garanzia dello sport del Coni, ha infatti annunciato di non voler prender parte al giudizio in merito allo svolgimento dei play-out proprio per evitare delle polemiche in merito alle sue origini: “Rispetto la collega – prosegue Casoma se andiamo su questo campo diventa complicato. Potrei dire di avere un fratello che vive in un’altra città italiana, una suocera che vive da un’altra parte, mia moglie da un’altra ancora. L’incompatibilità per aver svolto attività federali per una certa squadra sarebbe concreta, il fatto territoriale mi sembra invece poco. Ho tanti amici siciliani, a questo punto sarei incompatibile con mezza Italia“.

(Palermo in Serie C, cambia la composizione del Collegio giudicante: tra i membri della Corte due profili di Salerno…)

Sempre secondo quanto riferito stamani dal noto quotidiano regionale, inoltre, la posizione del giudice Caso parrebbe essere ben diversa da quella che ha portato all’astensione di Santoro, nonostante le notizie su un’indagine a carico dello stesso presidente della Corte federale d’appello risalgano, in realtà, addirittura allo scorso mese di gennaio: “Nonostante ciò Santoro non ha ritenuto necessario astenersi lo scorso 16 maggio, quando la stessa corte rigettò l’istanza di sospensiva presentata dai legali del club rosanero. Lo ha fatto solo giovedì, pochi minuti dopo l’avvio dell’udienza, con la nomina di un altro presidente (Paolo Cirillo, anch’egli di origini salernitane) che ha dovuto ricomporre il collegio, con la “new entry” del giudice Caso: «Ero in un altro collegio mezz’ora prima. Fisicamente ero lì e credo che il presidente mi abbia chiesto di rimanere per comporre un nuovo collegio nel modo più rapido»“.

(Palermo, ipotesi playout? La situazione. Foschi, Delio Rossi e la squadra…)

Una rapidità che sicuramente il Palermo Calcio avrebbe voluto essere tale da potere celebrare lo stesso giorno il dibattimento, ma ciò non è stato possibile proprio perché il nuovo membro del Collegio doveva studiare con attenzione le carte del processo stesso: “Da un lato le memorie difensive della società, che ha allegato ad esse la sentenza della Cassazione secondo cui non vi sono «elementi obiettivi per ritenere che l’operazione» riguardante Mepal e Alyssa «sia fittizia». Dall’altro le accuse della Procura federale, che ha anche presentato ricorso sull’inammissibilità del deferimento a carico di Zamparini: le tesi dei pm si basano sulla perizia che la Procura di Palermo ha affidato al consulente Colaci, anch’egli indagato e interdetto per un anno su decisione del Tribunale del riesame di Roma, provvedimento non esecutivo in attesa del ricorso in Cassazione“.

(Palermo in Serie C, la debolezza di Balata e l’ombra di Lotito: quei cori dei tifosi rosa…)

Tutti questi elementi citati verranno discussi proprio mercoledì, quando il club di Viale del Fante conoscerà con certezza l’esito del ricorso in merito alla decisione del Tribunale federale nazionale di retrocedere i rosanero in Serie C. Un rinvio che ha molto deluso la società siciliana e che ha beffato le centinaia di tifosi arrivate in quel di Roma per dare un sostegno alla propria squadra del cuore: “Mi spiace per tutti quelli che sono comprensibilmente preoccupati – conclude il giudice Casocapisco anche chi è venuto a Roma. Certe questioni, però, vanno affrontate per quello che sono, cioè una verifica delle norme e di conformità dei comportamenti. Queste vicende le trattiamo come le cause penali e i grandi appalti, sempre con massima oggettività“.

(Foggia, presentata istanza di fissazione dei playout: il comunicato)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy