Palermo in Serie C, avv. Chiacchio: “Complicato immaginare accoglimento integrale del ricorso. B a 22? La escluderei”

Palermo in Serie C, avv. Chiacchio: “Complicato immaginare accoglimento integrale del ricorso. B a 22? La escluderei”

Le parole del legale del Benevento su quello che potrebbe accadere qualora la Corte Federale d’Appello decidesse di accogliere in toto il ricorso del Palermo

Presso la sede della Corte Federale d’Appello si sta svolgendo l’udienza che deciderà le sorti del Palermo e di conseguenza anche di Salernitana e Foggia.

L’udienza è iniziata alle 16,30 circa e potrebbe terminare poco prima delle 19,00. Presente in quel di Roma anche il legale del Benevento, Eduardo Chiacchio, che ha così parlato ai microfoni di salernitananews.it.

Gli scenari sono delineati. Il Palermo ha fatto ricorso contro la sentenza di primo grado. Nel caso in cui questo ricorso dovesse essere accolto pienamente i rosanero tornerebbero terzi in classifica con playoff da ridisputare. Se il ricorso dovesse essere accolto parzialmente quindi con una penalizzazione in classifica questa decisione potrebbe comportare conseguenze nelle zone basse della classifica. Se il ricorso dovesse essere respinto spetterà agli organi politici decidere se e quando far disputare i playout. Un proscioglimento completo del Palermo determinerebbe dei risvolti di natura agonistica, ritengo che sia difficile immaginare un accoglimento integrale del ricorso. Le altre ipotesi sono valide, ci sono tante richieste e tante voci tra cui anche quella della Salernitana. É una partita aperta con tanti avvocati validissimi. Oggi sono uno spettatore dato che il Benevento ha perso sul campo la possibilità di partecipare alla finale ma sono qui anche per volontà del presidente Vigorito, ci sembrava giusto essere presenti. B a 22? Difficile dopo quanto accaduto la scorsa estate per portarla a 19 squadre. Per quanto concerne il Palermo oggi abbiamo appreso che ha vissuto momenti travagliati anche per l’iscrizione al campionato, non giudico la CO.VI.SO.C, è stata la Procura della Repubblica a mettere in evidenza alcune anomalie. Come andrà a finire? Spero con il rispetto delle regole e la salvaguardia dei valori dello sport, è giusto pagare quando si sbaglia. La decisione doverebbe arrivare in serata con un comunicato ma potrebbe slittare anche a domani”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy