Palermo, i rimpianti dell’ex Foschi: “Stavo per cedere il club a Commisso, poi è spuntato un personaggio”

L’ex direttore sportivo del Palermo è tornato sulle vicissitudini attraversate dal club di Viale del Fante

Rino Foschi a cuore aperto.

Juventus, la stoccata di Foschi: “Dybala non si tratta così, il club bianconero è in confusione. Inter e Napoli, ecco la verità”

L’ex direttore sportivo del Palermo nell’ultimo periodo vissuto al club di Viale del Fante ha dovuto assistere all’esclusione dai quadri professionistici  della squadra rosanero, poi culminato nel fallimento della vecchia proprietà, che dopo la cessione di Maurizio Zamparini passò prima tra le mani degli inglesi di Sport Capital Group e poi, dopo il breve interregno targato proprio Foschi-De Angeli, in quelle di Arkus Network e di conseguenza dei fratelli Tuttolomondo. L’ex dirigente rosanero, nel corso dell’intervista concessa a TMW Radio, durante il format Maracanà, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni.

“Sono andato lì perché Zamparini mi diceva che era rovinato. Lui mi chiese di vendere alcuni giocatori, incassai 20 milioni ma un bel giorno mi dice che deve vendere la società, perché lo stavano perseguitando. Mi disse che voleva vendere il club a dei miliardari inglesi, ma mi confermò come direttore sportivo, dicendomi che non dovevo preoccuparmi, che sarei rimasto lì. E la società la vendette a questi inglesi, che avevano come rappresentante Platt. Ma ho visto subito che c’era qualcosa che non andava, ma io ho continuato a preoccuparmi della squadra. Poi hanno cominciato a mandarmi giù dei giocatori improponibili, dei veri brocchi. E allora gli ho detto di fermarsi. Gli chiesi il contratto, perché erano inadempienti, visto che non pagavano e alla fine è andata che io ho licenziato loro e sono rimasto con il Palermo in mano, con Zamparini agli arresti domiciliari. Sono andato in Federazione a Roma, mi hanno chiesto di rimanere ma ho detto di no, non volevo rovinarmi la reputazione. Sono però stato vicino a Rocco Commisso, attuale patron della Fiorentina. Ci parlavamo al telefono, ma un bel giorno è spuntato un ‘personaggio’. Fecero tutto gli avvocati ma io non ero molto convinto. Tanto è vero che poi mi hanno mandato a casa, hanno aspettato i soldi del mio mercato e poi sono scappati via, facendo fallire il Palermo. Ora vogliono darmi un anno di squalifica. È normale? I giudici ci misero in C, davo fastidio ai club che doveva fare i playoff. Ma quei stessi giudici poi mi hanno detto che avevano sbagliato e che il Palermo avrebbe dovuto giocare gli spareggi per la A”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy