Palermo, i parlamentari del M5S: “Decisione presa senza considerare che i rosanero oggi dovrebbero giocare in Serie A”

Palermo, i parlamentari del M5S: “Decisione presa senza considerare che i rosanero oggi dovrebbero giocare in Serie A”

Le dichiarazioni dei parlamentari nazionali di Palermo del Movimento 5 Stelle, sulla richiesta di retrocessione in Serie C del club rosanero

Palermo Calcio in Serie C.

È arrivata pochi istanti fa la sentenza del Tribunale Federale Nazionale della FIGC in merito al deferimento della società di viale del Fante sull’illecito amministrativo contestato dalla Procura al club stesso: rosanero retrocessi all’ultimo posto della classifica del campionato di Serie B appena concluso, e dunque in terza categoria.

Sulla dura decisione del TFN, si sono espressi anche i parlamentari nazionali di Palermo del Movimento 5 Stelle, ovvero Di Piazza, Davide Aiello, Roberta Alaimo, Valentina D’Orso, Aldo Penna, Giorgio Trizzino e Adriano Varrica.

Di seguito, le loro dichiarazioni.

“Il Palermo Calcio paga tuttora il grave errore della giustizia sportiva commesso nella passata stagione quando al club venne negata ingiustamente la Serie A. Oggi il tribunale della FIGC chiede la retrocessione all’ultimo posto in classifica, quindi la Serie C, senza tenere conto degli enormi sforzi nella nuova proprietà penalizzando oltremodo una città intera. Confidiamo nell’appello del Palermo, ma se i rosanero non dovessero riuscire a far valere le proprie ragioni, tenuto conto che oggi il Palermo Calcio dovrebbe giocare in Serie A e non in Serie B, allora sarebbe giusto annullare un’eventuale retrocessione così come l’anno scorso è stata annullata la promozione che spettava di diritto al Palermo”.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-5345498 - 1 anno fa

    Probabilmente hanno ragione: così la FIGC eviterebbe di dover pagare una penale milionaria al Palermo calcio visto il modo vergognoso in cui è stata negata la serie A l’anno scorso… Vergogna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy