Palermo, gli inglesi assicurano: “Cinque milioni entro il 16 febbraio”. Intanto Zamparini li mette mora…

L’ex patron ha perso la pazienza, ma dal Consiglio di Amministrazione assicurano: “Entro la fine della prossima settimana, la società riceverà un bonifico dell’importo di tre milioni di euro”

Lo scontro.

Maurizio Zamparini non ha intenzione di fermarsi. Dopo aver ricevuto nei giorni scorsi il suo legale ad Aiello del Friuli ha deciso di avviare la procedura di messa in mora nei confronti della nuova proprietà.L’ex proprietario del Palermo accusa gli inglesi di non aver ottemperato agli accordi sottoscritti.

Intanto nel corso del Consiglio di Amministrazione, secondo quanto riportato da Il Giornale di Sicilia, la società si dichiara : “Pronta a predisporre un piano da cinque milioni da immettere entro il 16 febbraio. Soldi che, evidentemente, Zamparini avrebbe voluto vedere prima e che ancora non sono entrati in cassa, motivo per cui non intende perdere altro tempo“.

Dovrebbe essere “un realistico piano di liquidità finanziaria a breve termine utile a valutare prospetticamente le esigenze finanziarie aziendali fino al prossimo 16 febbraio“. Data cruciale entro la quale dovranno essere saldati gli stipendi di tutti i tesserati, in maniera tale da scongiurare il rischio di una penalizzazione in classifica.

Secondo quanto emerso, la somma totale necessaria fino al periodo indicato è quella di 5,4 milioni di euro circa. Il quotidiano regionale specifica come sia stato John Treacy, consigliere di amministrazione del club di viale del Fante, ad esporre il quadro di cosa accadrà: “Entro la fine della prossima settimana, la società riceverà un bonifico dell’importo di tre milioni di euro per incasso parziale del credito Alyssa, mentre ulteriori importi necessari alla copertura del fabbisogno, fino ad ulteriori cinque milioni di euro, verranno versati entro il prossimo 16 febbraio“.

Per quanto riguarda Rino Foschi, l’amministratore delegato Facile aveva proposto: “La rimozione dal suo incarico poiché sono venuti meno i vincoli fiduciari“, per via di “ragioni relative al mancato allineamento alle indicazioni provenienti dal consiglio di amministrazione“. Ma attualmente resta in sella nel ruolo di Direttore dell’Area Tecnica, ma a Facile è stato dato mandato di trovare il sostituto. Richardson, invece, rimane in carica nonostante il suo annuncio dei giorni scorsi.

Lunedì, infine, si riunirà collegio sindacale per verificare quale sia effettivamente la situazione economico-finanziaria del club di viale del Fante. La Lega intanto aspetta ancora la documentazione relativa alla solidità economica che, secondo quanto riportato dal quotidiano dovrà arrivare Barclays Bank, ma le tempistiche non possono essere troppo lunghe…

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ele - 2 anni fa

    Foschi deve rimanere ma perché deve essere sostituito, come lui professionisti seri del calcio devono ancora nascere ,do you understand my dears gentlemen…I hope much in your project ,by
    Rosanero siempre !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy