Palermo, Dario Mirri: “Mi sto assumendo responsabilità importanti, ma sono certo che il Palermo non fallirà”

Palermo, Dario Mirri: “Mi sto assumendo responsabilità importanti, ma sono certo che il Palermo non fallirà”

Le parole dell’imprenditore palermitano nel corso della conferenza stampa

Dario Mirri in conferenza stampa.

L’imprenditore palermitano nei giorni scorsi ha versato una somma pari a 2,8 milioni di euro nelle casse del Palermo, cifra che ha permesso al club rosanero di pagare gli stipendi dei propri tesserati e scongiurare di conseguenza la penalizzazione in classifica. Il proprietario di DAMIR ha incontrato la stampa presso la sala eventi del Sanlorenzo Mercato, dove ha parlato del rapporto intrapreso con il club di Viale del Fante.

“Ho vissuto quello che rischia di vivere l’eventuale investitore, ossia quello che ho passato io qualche giorno fa. Lo sfogo di Bellusci è stato molto importante. Si legge nelle diverse testate che il Palermo incassa per la pubblicità dagli 1,5 ai 2,5 milioni, ma non è così. Se le informazioni sono incerte, la gente pensa che qualcuno voleva approfittarne: i numeri devono essere pubblici. Nel contratto abbiamo allegato i precedenti ricavi pubblicitari che erano 236 mila euro sebbene si parli di 700 mila euro. La scommessa è legata alla sopravvivenza tra quattro anni del Palermo, mi sto assumendo delle responsabilità importanti. Io sono certo che il Palermo non fallisca, ma sto rischiando tantissimo. Gli spazi che ho acquisito sono a disposizione della città. Ho sentito che Confindustria ha raggiunto 1,9 milioni e di questo sono davvero contento. La nostra intenzione è quella di creare un conto corrente collegato alla Lega, una delle nostre idee è quella di coinvolgere anche la gente e far partire di conseguenza un azionariato popolare. Abbiamo comunque previsto un meccanismo a favore del Palermo qualora dovessimo raggiungere la Serie A, perché in quel caso è logico che le entrate aumenteranno”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy