Palermo, cori e fumogeni a Roma: tifosi impeccabili, manifestazione pacifica e senza violenza

Palermo, cori e fumogeni a Roma: tifosi impeccabili, manifestazione pacifica e senza violenza

Sono stati più di duecento i tifosi del Palermo sbarcati nella Capitale per far sentire la loro voce: l’udienza presso la Corte Federale d’Appello è poi slittata al prossimo 29 maggio

Clamorosa decisione in quel di Roma.

L’udienza presso la Corte Federale d’Appello che nella giornata di oggi avrebbe dovuto esaminare il ricorso presentato dal Palermo Calcio contro la sentenza di primo grado del Tribunale Federale Nazionale della Figc che ne ha decretato la retrocessione in Serie C per presunti illeciti amministrativi, è stata rinviata al prossimo 29 maggio.

Il motivo? Il presidente Santoro ha deciso di astenersi e di abbandonare la seduta a causa un articolo pubblicato dall’edizione odierna de ‘La Repubblica’, ritenuto denigratorio nei confronti della sua persona. Per questo motivo, Santoro avrebbe dichiarato di non trovarsi nella condizione di serenità per poter giudicare.

Ciò nonostante, per l’occasione, sono stati più di duecento i supporters rosanero sbarcati nella Capitale per far sentire la loro voce. In vista del secondo grado di giudizio, i tifosi hanno esposto diversi striscioni, acceso fumogeni e intonato cori contro la Lega, contro Claudio Lotito e contro l’ex patron Maurizio Zamparini, manifestando in maniera tranquilla, corretta e civile. Nessun incidente o atto violento, dunque, da parte della tifoseria.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy