Palermo-Catanzaro, il ricordo dell’ex Curiale: “Ho un grande rammarico, i rosanero non hanno creduto in me”

Il calciatore classe ’87, nativo di Colonia, ha indossato per due stagioni la maglia rosanero

curiale

Il Palermo si proietta alla gara di domenica contro il Catanzaro.

I rosanero dovranno vedersela contro la compagine calabrese che nell’ultimo turno ha ceduto per 3-0 in casa alla Casertana. Una sfida dal sapore particolare quella del “Barbera” per un ex come Davis Curiale che in rosanero ha vissuto due stagioni importanti sebbene con la maglia della Primavera. L’attuale attaccante dei giallorossi, nel corso di un’intervista concessa a “Repubblica Palermo“, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni. Eccone un estratto.

“Per la prima volta affronterò i rosanero, sono molto emozionato. Lì ho vissuto due stagioni indimenticabili e porto nel cuore tanti ricordi. Disputai il mio primo campionato di Eccellenza con il Campobello, avevo 17 anni e conquistammo una storica promozione in D. Il Palermo seguiva Terranova, mio compagno di squadra a vedendomi decise di puntare anche su di me. Il primo anno arrivammo in semifinale, perdendo contro al Juventus di Marchisio e Giovinco, mentre il secondo anno, sempre in semifinale, fummo eliminati dall’Inter di Balotelli. Nonostante tutto conquistai il titolo di capocannoniere e mi allenavo stabilmente in prima squadra con il mio compagno di camera Sirigu. Andai più volte in panchina, anche in Coppa Uefa, e il mio rammarico più grande è quello di non aver esordito in Serie A. Il Palermo non ha mai creduto in me fino in fondo, avevo un contratto di 5 anni e dopo tanti prestiti mi hanno ceduto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy