Palermo Calcio, rischio penalizzazione e commissariamento: venerdì l’udienza in Tribunale

Palermo Calcio, rischio penalizzazione e commissariamento: venerdì l’udienza in Tribunale

Ancora guai giudiziari all’orizzonte per il club siciliano: la Procura federale sospetta gravi irregolarità gestionali, Pecoraro chiede revoca degli amministratori ed ora aleggia l’incubo deferimento

I tempi per chiudere definitivamente la cessione del Palermo Calcio, ancora una volta, si intrecciano e si scontrano con quelli della giustizia.

(Palermo: falso in bilancio e comunicazioni errate, anche il gip incastra Zamparini)

Proprio questo venerdì, infatti, si terrà un’udienza presso la quinta sezione civile del Tribunale palermitano in merito alla procedura avviata dalla Procura Federale, che richiede dei provvedimenti nei confronti degli amministratori del club rosanero e dunque la loro revoca, con l’ipotesi del commissariamento per irregolarità gestionali. Secondo quanto riportato all’interno della propria edizione odierna da Il Giornale di Sicilia, però, entro questa data Daniela De Angeli starebbe contando di chiudere tutte le operazioni relative al passaggio di proprietà delle azioni ad Arkus Network, che lo scorso mercoledì ha siglato un pre-accordo ed entro il 6 maggio dovrebbe rilevare il 100% delle quote societarie di Palermo Football Club Spa:

L’avvocato Stanghellini, legale della società, ha richiesto il rinvio dell’udienza di 15 giorni, ma sarà il Tribunale a decidere se concedere o meno questa proroga. Poco più di un mese fa, il procuratore federale Pecoraro ha incontrato i pm palermitani avanzando il sospetto di gravi irregolarità gestionali, proprio come fatto un anno prima col Cesena, per il quale è stata avviata una procedura ex art. 2409 del codice civile per richiedere la nomina di un commissario. Lo stesso Pecoraro nei mesi scorsi ha interrogato Giammarva e ha richiesto (senza successo) di poter ascoltare Zamparini, agli arresti domiciliari per l’inchiesta che lo vede accusato di riciclaggio, autoriciclaggio e falso in bilancio“.

(Palermo, niente consulenti e “amici” di Zamparini: il club risparmia 3 milioni)

Sia l’imprenditore friulano che il commercialista palermitano, inoltre, nei prossimi giorni dovrebbero essere oggetto di deferimento da parte della Procura Federale per le indagini condotte sui bilanci del Palermo Calcio relativi agli anni 2016, 2017 e 2018, con il club siciliano che sarebbe coinvolto per responsabilità diretta. Sempre secondo quanto riferito stamane dal noto quotidiano regionale, tale deferimento al Tribunale Federale, in caso di accoglimento, potrebbe portare ad una seria penalizzazione nella classifica del torneo cadetto per la squadra allenata da mister Delio Rossi, attualmente in piena corsa per la promozione diretta in Serie A:

Anche in questo caso, le tempistiche saranno decisive: il campionato termina l’11 maggio e lunedì verrà stilato il calendario dei play off, che nella passata stagione iniziarono in ritardo proprio in attesa della penalizzazione inflitta al Bari. Il club rosanero è dunque tra due fuochi sul fronte giudiziario e intende concludere in tempi brevissimi l’iter per la cessione definitiva delle quote dalla De Angeli (divenuta proprietaria dopo l’uscita di scena di Sport Capital Group) ad Arkus Network“.

(Palermo, falsi nei bilanci: non solo Zamparini, i pm pronti a chiedere processo per altri 7)

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. spargi49 - 7 mesi fa

    Il procuratore Pecoraro ha dei sospetti su possibili irregolarità nei bilanci del Palermo,solo in base a dei sospetti non si tiene una città una tifoseria e la squadra sotto la minaccia di penalizzazione nel momento cruciale del campionato.Forse tal procuratore e tifoso del Catania.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. spargi49 - 7 mesi fa

    Il procuratore Pecoraro ha il “sospetto di gravi irregolarità”,ma per condannare qualcuno occorrono le prove!il procuratore sarà tifoso del Catania.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy