Nuovo Palermo, la verità di Zeman: “Io, Mirri e Sagramola, vi svelo tutto. Ho rifiutato perché…”

Nuovo Palermo, la verità di Zeman: “Io, Mirri e Sagramola, vi svelo tutto. Ho rifiutato perché…”

Le dichiarazioni rilasciate da Zdeněk Zeman: il suo nome è stato accostato di recente al nuovo Palermo di proprietà del binomio Mirri-Di Piazza

Il Palermo si appresta a ripartire.

Dopo l’esclusione dal prossimo campionato di Serie B per gravi inadempienze ed il conseguente fallimento del club di viale del Fante, lo scorso mercoledì 24 luglio la società Hera Hora di Dario Mirri e del noto imprenditore italo-americano Tony Di Piazza si è aggiudicata la gara indetta dal Comune di Palermo per rilevare il titolo sportivo, battendo altre cinque proposte.

Se da una parte la nuova dirigenza ha già completato l’iter per l’iscrizione del Palermo al nuovo campionato di Serie D, dall’altra lo staff rosanero è conscio di dover sciogliere presto le riserve in merito alla scelta del nuovo allenatore. Ed in tal senso, negli ultimi giorni, per il ruolo di direttore tecnico, l’ad Rinaldo Sagramola avrebbe contattato l’esperto Zdeněk Zeman. Tuttavia, il tecnico boemo ha preferito declinare l’invito (QUI I DETTAGLI).

“Io possibile dt del nuovo Palermo? Ho incontrato i dirigenti del Palermo. In realtà mi è stato offerto il ruolo di direttore tecnico, ma del settore giovanile – ha dichiarato Zeman ai microfoni di Seriebnews.com -. Ho rifiutato. A prescindere che si tratti di prima squadra o giovanile, io voglio ancora allenare, quel ruolo non m’interessa. Se mi venisse proposta la panchina? No, non accetterei perché voglio allenare a certi livelli. Sono molto legato a Palermo, ho trascorso 9 anni nel settore giovanile del club, ma non me la sento di guidare una squadra di Serie D. Comunque li ringrazio per aver pensato a me. Non sto pensando all’Italia, anche perché non c’è una panchina libera. Aspetto occasioni dall’estero, non un campionato in particolare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy