Moreo: “Nestorovski e Puscas vanno a mille. Mai stato un bomber, sono un centravanti atipico”

L’attaccante rosanero ha parlato del suo attuale momento: “Sono un generoso, nella vita e con i compagni e metto la squadra prima di me stesso”

Tanta corsa e impegno.

Stefano Moreo è uno di quei centravanti che fa tanto lavoro sporco per gli altri. L’attaccante del Palermo, che in questa stagione ha messo a segno tre gol e fornito cinque assist, è una delle carte che Roberto Stellone usa spesso a match in corso. Intervistato da Il Corriere dello Sport, il classe 1993 ha parlato così: “Sono un generoso nella vita e coi compagni e metto la squadra prima di me. Sono un centravanti atipico. “Nesto” e “Puski” vanno a mille, sarebbe da autolesionista toglierli. Mollare? Non è nel mio carattere e non mollo. Mai stato un bomber, nasco come esterno del 4-4-2, però ho girato in tutti i ruoli e mi trovo bene come seconda punta, che si veste, anche da prima e che gira dappertutto. Chissà che non mi capiti nuovamente di tornare alle origini. Dovunque mi mettano, esco sfinito e soddisfatto“.

La fidanzata, Giulia, è uno dei punti di forza dell’attaccante milanese: “Senza Giulia mi sento perso. Ci siamo conosciuti con uno scambio di “like” e di lettere sui social e poi l’ho incontrata a Venezia. E’ bastato uno sguardo. Sto bene con lei, e lei con me, e spero di proseguire per sempre. Sono proprio cotto, pazzo, perso. Con Giulia ho trovato orizzonti diversi, come l’amore, sentimento che non avevo mai provato – ha ammesso Moreo -. E se non ci fosse, mi sentirei una nullità“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy