Martin: “I tifosi del Palermo non hanno rivali. La firma? Non ci credevo, vi racconto…”

Il centrocampista del Palermo ha raccontato il retroscena della sua firma con il club rosanero

Il retroscena di Malaury Martin.

Intervenuto ai microfoni di TRM durante la trasmissione “Siamo Aquile”, il centrocampista del Palermo ha raccontato il retroscena legato alla sua firma con il club rosanero: “Firma con il Palermo? Non ci credevo, perché le cose non sono avvenute in modo convenzionale. Il mio amico mi aveva parlato del progetto Palermo e io cercavo una nuova squadra, gli ho chiesto di fargli il mio nome ma l’avevo detto così per dire. Un giorno lui mi fa una chiamata e mi chiede se volevo parlare con il direttore, dopo pochi minuti mi hanno detto: ‘Inizi la preparazione il 12 di agosto‘. Io gli ho detto subito che avrei preso un aereo per Palermo per conoscere il mister e tutto lo staff. La firma è stata nel giorno del mio compleanno, non lo abbiamo fatto a posta. Sagramola, dopo la firma, mi guardò e mi disse ridendo: ‘Auguri!“.

Martin: “Palermo adesso è casa mia, aspettiamo la nuova maglia. Idolo? Pirlo, il migliore”

Elemento chiave della rinascita del Palermo è sicuramente la passione dei tifosi, che fin dal primo momento ha supportato la squadra sia in casa sia in trasferta creando sempre un’atmosfera unica: “Tutto lo staff fa di tutto perché tutti giocatori stiano bene. Giocare al ‘Renzo Barbera’ ha un effetto incredibile, tutto quello che fanno la curva e i tifosi è una cosa che non si vede nel mondo: la loro energia ti da la carica e la forza di lottare. Dico la verità: non c’è paragone tra i tifosi del Palermo e quelle di altre squadre. Quello che sto vedendo qua non l’ho mai visto, neanche in Francia. Spaventarci? E’ una parole forte, l’importante è preparare al meglio la partita, noi diamo sempre tutto sul campo. Con tutto il rispetto penso che, ad oggi, non dobbiamo essere spaventati dalle altre squadre presenti in questo campionato“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy