Lazio-Palermo 6-2: rosanero travolti anche a Roma, sconfitta imbarazzante

Il Palermo travolto anche in casa della Lazio. I biancocelesti ne fanno 5 in meno di mezzora, poi si fermano e Rispoli può accorciare con la sua prima doppietta. Nel finale Crecco rende tennistico il punteggio.

Alla fine i due gol di Rispoli hanno reso quasi “normale” una sconfitta che rischiava di passare agli annali del calcio come la più ampia della storia del nostro campionato.

Il 6-2 con cui la Lazio si è sbarazzata di questo Palermo derelitto non dice tutto sulla supremazia della squadra di Inzaghi, coi rosanero già sotto di 5 reti dopo 26 minuti e i capitolini che davano la sensazione di poter tranquillamente arrivare in doppia cifra. Poi, come spesso accade in queste occasioni, i padroni di casa si sono fermati, hanno amministrato e concesso pure qualche occasione agli ospiti. Casuali i due gol di Rispoli, frutto di veri e propri abbagli della difesa guidata da Strakosha, poi nel finale il definitivo 6-2 firmato da Crecco (sedicesimo marcatore stagionale per i biancocelesti).

Quando i tifosi pensavano di aver già visto tutto il peggio è arrivata forse la prestazione più imbarazzante da parte del Palermo. L’undici di Bortoluzzi ha dimostrato di non essere minimamente in grado di reggere l’impatto col campionato di Serie A per una questione psicologica prima ancora che tecnica. Una volta sotto i rosanero hanno completamente perso la testa, come accaduto praticamente ogni domenica. Il rimpianto più grande è che manchino ancora 5 giornate alla fine di questa inaccettabile stagione. Si poteva anche retrocedere con dignità, invece si è finito per umiliare una maglia, una tifoseria e una città.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 4 anni fa

    la faccia dovrebbe metterla il VERO E UNICO responsabile di questa umiliazione ..e invece casualmente vende quando la barca affonda..
    il signor baccaglini se vuole sembrare credibile presenti il progetto sportivo perchè ad oggi l’unica impressione è che sia il parafulmine del friulano..
    quando gli si chiede come pagherà la società pare più una supercazzola che una risposta con l’altro fenomeno che risponde a quanto lo vendo sono fatti miei,bortoluzzi me lo ha consigliato guidolin…per nestorosky ho rifiutato 20 mln dalla cina…insomma la faccia è sua ma le parole sono le solite dell’inominabile..
    salerno è scappato,baccin se ne andrà..rimane baccaglini col suo consulente mz che pare più che rimane mz con la faccia di baccaglini .
    una nuova proprietà la prima cosa che fa è presentare i suoi dirigenti e tagliare con la vecchia,e invece qui abbiamo uno dice che non era sua intenzione acquistare il palermo e l’altro che dice che deve rimanere perchè lìacquirente non capisce nulla di calcio..insomma siamo alle comiche

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy