Jajalo: “Obiettivo quota 70, meglio perdere punti in campo che fuori. Vogliamo la A, non siamo meno del Brescia…”

Jajalo: “Obiettivo quota 70, meglio perdere punti in campo che fuori. Vogliamo la A, non siamo meno del Brescia…”

Le parole del centrocampista bosniaco in vista della sfida di venerdì contro la capolista Brescia

Ci alleniamo ogni giorno per fare punti. Meglio perderne in campo che in altro modo“.

Queste le parole del centrocampista del Palermo Mato Jajalo che, in vista della sfida di domani sera contro il Brescia dell’ex capitano e tecnico Eugenio Corini, si è caricato così ai microfoni del Corriere dello Sport. In un momento nel quale a tenere banco in casa rosanero sono soprattuto le vicende extra-calcistiche, con il caos che regna sovrano negli uffici di viale del Fante alla ricerca di quei soldi annunciati e mai arrivati  per permettere la corretta gestione del club a partire dalle imminenti scadenze per il pagamento di stipendi e relative ritenute, la testa dei giocatori è rivolta al match contro le Rondinelle. Sfida ad alta quota per il primato nel campionato cadetto, una gara importantissima che gli uomini di Roberto Stellone  non hanno intenzione di sbagliare: “Abbiamo un obiettivo, quota settanta. E una strategia comune: la promozione. L’anno scorso abbiamo fallito e ci siamo rovinati le vacanze. Ora, vogliamo un’estate libera, succeda quel che succeda“.

Il bosniaco, poi, si è concentrato anche sulla voglia dei compagni, tra tutti George Puscas che a Perugia si è fatto trovare pronto all’occorrenza: “Siamo contenti per Puscas che ha ottenuto i frutti del suo impegno. Per un attaccante il gol è tutto. Di sicuro non si è mai risparmiato. La nostra fortuna è quella di avere giocatori che aspettano l’occasione per dimostrare il loro valore. L’organico non si discute; carattere ed esperienza neppure; abbiamo qualità e ragazzi che sanno prendere responsabilità; un allenatore bravo, sta all’altezza. Non siamo meno del Brescia“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy