Inchiesta Procura di Caltanissetta: indagato anche il giudice Anfuso. I dettagli

Dalle ultime indiscrezioni relative all’inchiesta portata avanti dalla Procura di Caltanissetta emergono i nomi di nuovi indagati

Continuano le indagini della Procura di Caltanissetta.

Questa mattina era giunta la comunicazione della sospensione di Giuseppe Sidoti, giudice della sezione fallimentare del Tribunale di Palermo, e di Giovanni Giammarva, ex presidente del club rosanero.

Inchiesta Procura di Caltanissetta, sospesi Giammarva e il giudice Sidoti: le motivazioni e il comunicato

Una notizia che ha scosso ancor di più la società, già nel caos per risolvere quelli che sembrano essere gli ultimi passaggi prima di ufficializzare la cessione, e turbato Maurizio Zamparini, che ai nostri microfoni ha cercato di far chiarezza intorno alla situazione sopracitata.

Zamparini a Mediagol: “Vogliono far naufragare cambio di proprietà”

Nelle ultime ore sono emersi altri elementi legati all’inchiesta odierna, in merito alla presunta fuga di notizie nel corso dell’iter fallimentare imputato al Palermo calcio nei mesi scorsi. E’ infatti venuto fuori il nome di un altro indagato: si tratta di Fabrizio Anfuso, giudice che tempo fa aveva respinto la richiesta di arresto nei confronti di Zamparini. Secondo il Gip, infatti, Anfuso sarebbe stato in contatto diretto con Giuseppe Sidoti (il giudice che respinse la richiesta di fallimento) e con quest’ultimo sarebbe avvenuto uno scambio di informazioni sui rispettivi casi: un evento che, secondo l’accusa, sarebbe rivelazione di segreto d’ufficio. Sidoti, inoltre, in cambio di una sentenza favorevole per il Palermo avrebbe ottenuto, tra le altre utilità, la nomina nell’organismo di vigilanza della società dell’avvocato Vincenza Palazzolo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy