Il Palermo volta pagina: fine dell’era Zamparini, cosa ne pensano i giornalisti palermitani

Il Palermo volta pagina: fine dell’era Zamparini, cosa ne pensano i giornalisti palermitani

La storia dei colori rosanero è rimasta legata per ben 16 anni a Maurizio Zamparini. L’imprenditore friulano adesso è uscito di scena cedendo il 100% delle quote societarie al gruppo inglese capitanato da Richardson. La redazione di Mediagol.it ha contattato diversi giornalisti locali chiedendo un bilancio sulla gestione Zamparini

Scheda 4

manuel manninoManuel Mannino (Forzapalermo): “L’aggettivo che più di tutti ha spiegato la figura di Zamparini in questi 16 anni è stato “vulcanico”. È quello giusto: a Palermo è stato un vulcano. Necessaria valvola di sfogo del magma rosanero, da tempo impaziente di trovare un canale nel quale immettere tutta la voglia di calcio del capoluogo siciliano.
Eruzione, quiete, ancora eruzione e ancora quiete. Sedici anni di emozioni – a volte scintillanti da far battere il cuore, a volte bui veicoli spediti dentro un incubo – per le quali va ringraziato”.

guido monastraGuido Monastra (Stadionews):E’ stato il miglior presidente della storia. Dispiace che colui che ha portato il grande calcio a Palermo con tanta Serie A consecutive con ottimi risultati, debba poi essere costretto ad uscire dalla ‘finestra’ per colpa della gestione degli ultimi cinque anni che è stata decisamente fallimentare, non per i risultati sportivi, ma per certi atteggiamenti non sempre comprensibili, soprattutto nella comunicazione. Non si può disconoscere la sua competenza calcistica, la sua passione: è stato un personaggio che resterà comunque per sempre nella storia del Palermo“.

angelo morelloAngelo Morello (Tgs):Zamparini ha riportato il Palermo in Serie A e gli ha consentito di vivere serenamente per una decina d’anni. Ha portato tanti ottimi giocatori che poi sono esplosi in altre squadre di altissimo livello. Poi però nel momento di raccogliere i frutti dopo la finale di Coppa Italia ha deciso di tirare i remi in barca. Non si è mai capito se il motivo fosse una reale crisi economica del suo gruppo, oppure scelte diverse, ma da quel momento è iniziata la fase calante in cui ci son ostate spesso scelte inspiegabili e scellerate, con il risultato che la città, che in precedenza lo aveva osannato, praticamente gli ha voltato le spalle. Adesso sembra che passi la mano, anche se l’operazione non è chiarissima. Adesso ci apprestiamo a capire quale sarà il futuro del Palermo“.

giulia nascaGiulia Nasca (I love Palermo Calcio): “Penso che con Maurizio Zamparini Palermo ed i palermitani abbiano raggiunto e vissuto traguardi mai visti. Dalla storica promozione in serie A dopo oltre trent’anni di assenza, alle qualificazioni in Europa, passando per la finale di Coppa Italia contro l’Inter. Otto anni di presidenza praticamente impeccabili, conditi da regali al proprio pubblico che ha visto giocare al “Renzo Barbera” veri campioni. Grazie a Maurizio Zamparini la Palermo calcistica ha praticamente sognato ad occhi aperti. Poi, dalla storica finale contro l’Inter, è iniziato un declino che fino a quel momento era inimmaginabile per quanto visto con l’ormai ex patron friulano al timone. Accade spesso però che tutte le cose belle, prima o poi, finiscano ed è successo anche in questo caso. Di sicuro chi oggi ne ha raccolto l’eredità avrà un gran lavoro da fare per ripetere quanto fatto a Palermo da Maurizio Zamparini”.

salvo periSalvatore Peri (Livesicilia): “Nonostante le ultime annate, contraddistinte da risultati sportivi poco esaltanti per la piazza, ha comunque mantenuto sempre il comando della società dimostrando il legame profondo creatosi con questi colori. Indubbiamente con Renzo Barbera un altro presidente capace di segnare in positivo la storia del Palermo”.

 

 

nino randazzoNino Randazzo (Feel Rouge Rosanero): “I dati parlano chiaro. E’ stato il presidente più vincente della storia del calcio siciliano. Ha avuto il merito di avere riportato il Palermo dopo più di trent’anni in Serie A e di aver fatto vedere ai tifosi rosanero alcuni tra i migliori giocatori al mondo. Bisogna distinguere due fasi nella gestione Zamparini: la prima, straordinaria con tre volte il quinto posto e le qualificazioni in Coppa Uefa, e la seconda, calante con risultati non all’altezza del primo periodo. Sicuramente quello che ha fatto disamorare parte del pubblico palermitano è stata la scarsa chiarezza e la scarsa limpidità di Zamparini nei rapporti con la tifoseria: le troppe ambiguità, i finti presidenti arabi, i tanti annunci sulla vendita della società che non si sono concretizzati e poi la difficile gestione delle grandi bandiere come Corini, Zauli e per finire Miccoli“.

alessandro rubinoAlessandro Rubino (Retepalermo):L’era Zamparini possiamo dividerla in due periodi ben distinti: se prima c’è stato ciò che tutti ci auguriamo ora con la nuova proprietà, ovvero grande entusiasmo ed investimenti costanti accompagnati da risultati sul campo e soddisfazioni per la piazza e la tifoseria, nella seconda fase abbiamo assistito a difficoltà su tutta la linea che purtroppo hanno portato la situazione a superare il limite della sopportabilità. Troppi errori, troppa confusione, scarsa chiarezza. Il bilancio sportivo di questi anni, al netto dei gravi problemi societari delle ultime stagioni, resta positivo. Anni di grande Serie A e l’approdo in Uefa, la Serie B fatta sempre ai vertici, campioni in erba che adesso sono affermati a livello continentale e mondiale (volendo fare un nome, indico Cavani per tutti). Tutto questo non si può dimenticare, sebbene possa restare più impresso il ricordo brutto di questi ultimi anni di triste sofferenza. Piaccia o no, l’era Zamparini non è seconda nemmeno all’era Barbera ed è sicuramente quella che ha dato maggior lustro ai colori rosanero“.

fabio russomandoFabio Russomando (Corrispondente Sky Sport e La Gazzetta dello Sport a New York): “A Zamparini bisogna dire grazie nonostante la gestione degli ultimi anni.
È stato in grado di costruire una sodietà che per molto tempo è stato un esempio per altri. La promozione in serie A, l’Europa League, la finale di Coppa Italia, la Champions sfiorata, 5 rosanero nella Nazionale che ha vinto il Mondiale, ricordi che i palermitani non possono dimenticare. Per anni Palermo aveva vissuto nella perfieria del calcio, Zamparini l’ha elevata ad una delle societa’ piu’ rappresentative d’Italia. Purtroppo i problemi economici e scelte sbagliate hanno compromesso un percorso che con un po’ piu’ di buon senso poteva continuare ad essere esaltante. Nonostante ciò, se passaggio di proprietà ci sarà, si è chiusa una parte di storia del Palermo, certamente la più imoortante di sempre”.

VAI ALLA PROSSIMA SCHEDA, CLICCA QUI PER LEGGERE

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ivan.palerm_467 - 10 mesi fa

    Se lo spartiacque fra la buona e la cattiva gestione di Zamparini è datata nella finale di Coppa Italia c’è da dire che della parte negativa fa parte pure lo splendido binomio Dybala Vazquez ammirato in Serie A, così come il pronto ritorno in A ed il presente campionato che 30 anni fa sognavamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. enzovinci121_252 - 10 mesi fa

    Queste dichiarazioni attestano come la situazione ambientale a Palermo sia stata rovinata innanzitutto dalla stampa locale … la più forte manifestazione di ingratitudine proviene proprio da lorsignori giornalisti che in questi anni si sono professionalmente pregiati (potendo così anche mangiare) del calcio che conta a Palermo portato da Zamparini nonché del valore mediatico che lo stesso Zamparini ha conferito al club ….dal 2011 in poi il Palermo ha proseguito tra A e B ed oggi e’ primo in classifica in B con fior di giocatori alcuni come Struna che dove si trasferiscono vengono considerati di valore nonostante abbiano dovuto subire le incompetenti critiche dei palermitani e di lorsignori giornalisti…la verità e’ che a Palermo dal 2011 in poi sono emerse le pretese come se avere la squadra del 2011 fosse un diritto acquisito come se per Zamparini fosse un dovere spendere (il termine investire nel calcio fa semplicemente ridere) come se vincere un campionato di B nel 2014 sia stato poco quando solo 10 anni prima per lo stesso risultato tutti abbiamo pianto di gioia….come se il Catania in C o il Bari in D non fossero esempi concreti di quanto difficile sia mantenere un club al sud economicamente e sportivamente….la storiella dei troppi cambi poi fa molto ridere perché se Zamparini ha commesso errori e ha ascoltato cattivi consiglieri lo ha fatto a danno soprattutto suo e cmq sono errori che durante la vita di un’azienda capitano magari anche in successione ma rimane il fatto che tutto ciò non può cancellare le cose buone fatte che sono infinitamente di piu….Zamparini poteva gestire meglio certi aspetti del rapporto con i tifosi oppure con la stampa forse avrebbe dovuto essere più ruffiano forse ha detto qualche bugia in più ma i palermitani compresi i giornalisti hanno le loro grandi responsabilità e oggi si meritano di essere stati graziosamente mandati a quel paese

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Crazyhorse - 10 mesi fa

      Mi sa che non hai letto bene i commenti buonisti tranne un paio dei vari giornalisti e soprattutto non hai ancora compreso che il tuo idolo non ha commesso alcun errore, ha semplicemente depauperato fraudolentemente il patrimonio del Palermo Calcio

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy