Foschi: “Zamparini non c’entra più niente, lui ha fatto un grande errore. Alyssa e gli stipendi…”

Le parole del presidente rosanero in merito alla cessione del club di Viale del Fante

Rino Foschi analizza la situazione attuale del Palermo e spiega le modalità attraverso le quali sono stati pagati gli stipendi dei tesserati relativi al primo bimestre 2019.

Il presidente rosanero, intervenuto a Zona Vostra in onda su Trm, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni concernenti la cessione del club di Viale del Fante.

“Vi garantisco che Zamparini con il Palermo non c’entra più niente, anzi meno di niente. Zamparini con la società ha fatto un grandissimo errore il giorno che l’ha venduta a quei famosi inglesi. Lui doveva liberarsi del Palermo perché per lui potevano esserci determinati guai. A quel punto gli inglesi hanno preso il Palermo, inadempienti rispetto a quello che avrebbero dovuto fare. Stavano cercando delle quote per poter sopravvivere ma nessuno gliele ha date. A quel punto, io personalmente con Daniela De Angeli e tre avvocati gli abbiamo portato via la società. È stata una truffa che loro hanno fatto a Zamparini. Ho trovato una persona che mi stava alle spalle e che non poteva prendere il Palermo perché ha anche un’altra società (Enrico Preziosi, ndr). E con lui abbiamo messo in moto questa macchina anche con la famiglia Mirri che ha comprato quattro anni di pubblicità allo stadio, sono molto bravi e professionali, tifosi veri che mi hanno permesso di pagare gli stipendi con un’opzione a favore che non è stata esercitata perché quel signore non può. Quel gruppo non è ancora pronto per prendere il Palermo. Quindi è scaduta l’opzione e abbiamo preso altre strade. La società è in vendita, stiamo lavorando per darlo ad un gruppo migliore, per dare un futuro a questa società che lo merita. E nel frattempo Zamparini ha scalato un debito che lui ha, non è che il Palermo va avanti con i soldi di Zamparini. Non è vero che alle spalle c’è Zamparini, Zamparini non ha più a che fare con il Palermo. Il Palermo va avanti con le proprie risorse e con il lavoro che ho fatto. In estate ho fatto un certo tipo di operazioni di mercato proprio per sopravvivere”.
Sul pagamento degli stipendi del bimestre relativo ai mesi di gennaio e febbraio, l’ex direttore sportivo si è così espresso.
“La famiglia Zamparini ha pagato così parte degli stipendi, solo parte, perché gli è sembrato giusto farlo. Ma non l’ha fatto perché noi viviamo ancora con lui alle spalle. Gli inglesi non hanno fatto quello che dovevano fare con quella scatola lì (Alyssa), l’hanno lasciata scoperta mettendoci nei guai. Io ho portato via la società agli inglesi e lui mi ha dato una parte di quei soldi che partono da Alyssa. Se questi soldi andranno restituiti a Zamparini? È un credito che abbiamo. Io non so più come dirlo: Zamparini con il Palermo non c’entra più niente. Zamparini mi ha chiesto di tornare perché lui non poteva andare avanti e sono tornato, facendo il mercato. Non è stato sufficiente per lui e ha dato via la società. Ma l’ha data via male. Siamo nei guai per questo, perché l’ha data via male. La famiglia Zamparini ci ha dato un prestito nel frattempo che vendiamo. Tutto qua.”
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy