Foschi: “Non ho solo un’alternativa, ne ho almeno due o tre. Se non riesco a pagare gli stipendi…”

“Ho paura che con questa idea dell’azionariato popolare il gruppo che è interessato al Palermo possa non gradire e mollare tutto”

Venti giorni alla scadenza.

Il 16 marzo è l’ennesima data segnata in rosso nel calendario del Palermo. La scadenza per il pagamento degli stipendi non preoccupa Rino Foschi, presidente del club rosanero. Intervistato da La Repubblica, il dirigente romagnolo ha spiegato: “Nel contratto c’è scritto che se non riesco a pagare gli stipendi lo farà Mirri in cambio di altri quattro anni di pubblicità. La famiglia Mirri vuole le carte, ma le conosce bene perché il gruppo con il quale li ho messi in contatto le conosce benissimo“.

Qualora l’opzione dovesse scadere senza essere esercitata Foschi ha già pronte le alternative: “Se Mirri non esercita l’opzione il 13 non ho solo un’alternativa, ne ho almeno due o tre. Se esercita la sua opzione sono felice se diventa proprietario, vuol dire che abbiamo risolto i problemi, ma sono convinto che non lo faranno perché non hanno intenzione di farlo, hanno inserito questa opzione solamente a loro garanziaPerò ho paura che con questa idea dell’azionariato popolare il gruppo che è interessato al Palermo possa non gradire e mollare tutto“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy