De Angeli: “Ecco perché abbiamo scelto Mirri, ma non condivido sue affermazioni. Il crowdfunding…”

L’amministratore delegato rosanero dice la sua sul caso crowdfunding che ha creato alcune tensioni tra il club e Dario Mirri

Crowdfunding per il bene del Palermo, ma l’azionariato popolare si sarebbe potuto trasformare in un guaio per i rosanero.

Ad ammetterlo è l’attuale amministratore delegato dei rosanero Daniela De Angeli che, intervenuta ai microfoni del Giornale di Sicilia, ha spiegato come l’idea dell’imprenditore palermitano Dario Mirri è stata ampiamente discussa dal club ma scartata come opzione per evitare la violazione di norme federali: “ Siamo stati informati di questo piano di crowdfunding e ci siamo mostrati disponibili ad ogni iniziativa realizzabile, purché non violasse le norme federali. Formulato in quel modo, la società sarebbe incorsa a diverse violazioni“.

De Angeli: “Piano B se salta Mirri? Abbiamo altri potenziali acquirenti. Le notizie in merito ai debiti…”

L’esercizio del diritto di opzione da parte dei Mirri risolverebbe ogni questione. Non condivido però le affermazioni di Mirri in merito alla congruità del canone, perché i valori di mercato nel caso di promozione in Serie A sono diversi da quelli attuali. Perché Mirri? Perché con lui eravamo sicuri di avere la copertura finanziaria completa per la scadenza in questione”.

LEGGI ANCHE:

De Angeli: “Ecco come è nata l’idea di prendere il Palermo. Saremmo falliti, io e Foschi ora…”

De Angeli: “Zamparini ancora dentro? Assolutamente no. Con Sport Capital abbiamo perso due mesi…”

De Angeli: “47 milioni di debiti? In realtà sarebbero 41 milioni di crediti, la documentazione data a Mirri…”

De Angeli: “Parole di Mirri sulla documentazione? Questione non rilevante. Siamo sicuri che…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy