Closing Palermo, Zamparini annuncia: “Affare fatto con Baccaglini”

Maurizio Zamparini annuncia la chiusura dell’affare Palermo Calcio: “Tra oggi e domani, Paul Baccaglini e la YW & F Global Limited…”

Si sta per aprire ufficialmente una nuova era in casa Palermo.

Dopo i giorni di silenzio e i dubbi che attanagliavano l’ambiente rosanero, ecco il doppio annuncio nel giro di poche ore: prima, il 25 aprile, ci aveva pensato Paul Baccaglini (con questo comunicato) a smontare ricostruzioni pessimistiche di alcuni organi d’informazione; poi, oggi, le parole di Maurizio Zamparini. Uno Zamparini che finora aveva voluto mantenere il silenzio, che non voleva esprimersi e infatti – tralasciando questa intervista a Radio Kiss Kiss, in cui diceva “Spero che entro fine mese arrivino i capitali, non vorrei trovarmi in difficoltà” – non aveva aperto bocca con la stampa. Fino ad oggi…

Attraverso le colonne del ‘Giornale di Sicilia‘, infatti, Maurizio Zamparini ha annunciato l’arrivo imminente del closing: via dubbi, perplessità e preoccupazioni. “Abbiamo chiuso l’affare, non c’è più altro da dire. Attendo soltanto le garanzie bancarie che dovrebbero arrivare tra oggi e domani“. Tra il 28 e il 29 aprile, dunque, si potrà scrivere la definitiva parola ‘fine‘ a un affare che è divenuto di dominio pubblico lo scorso 6 marzo. La prima tappa fondamentale, quella del 19 aprile, è stata rispettata in pieno, con Paul Baccaglini che ha indicato, due mercoledì fa, la società che rileverà il 100% del club di viale del Fante. Trattasi della YW & F Global Limited, con sede a Londra.

Una volta avvenuto il passaggio di proprietà, toccherà alla Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) controllare le vere capacità economiche di Paul Baccaglini e del suo gruppo: controlli che, come stabilito dalle nuove norme introdotte dopo il caso Parma, dureranno circa trenta giorni (“un mese di tempo dall’acquisizione di almeno il 10% del club per presentare la documentazione completa in modo da attestarne la piena legittimità”). Dopodiché, si penserà veramente al futuro del Palermo Calcio, un futuro in cui attuare il piano B. “Ormai siamo retrocessi, bisogna solo finire questo campionato disgraziato e vedere chi si merita di rimanere”, continua Zamparini. “Alla squadra adesso ci devono pensare loro, non io. Baccaglini sta creando uno staff di dirigenti nuovi e preparati. Saranno loro a valutare il da farsi per il futuro”.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Silipo - 4 anni fa

    Bastaaaaaa, dimenticatelo, non esiste più!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Antonino Scalici - 4 anni fa

    Buttatevi nellimmondizia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Danilo Di Benedetto - 4 anni fa

    Il sig. Zampa è uscito se è uscito veramente ,a testa alta….. VERGOGNOSO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. mau49 - 4 anni fa

    Ha spolpato l’osso fino all’ultimo.Cmq ricordo al friulano innominabile che se per caso dovesse venire a Palermo,non si preoccupi, sarà solo ignorato.Non è una minaccia ma una solenne promessa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. cianzo - 4 anni fa

    Fine maggio la parola definitiva

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. avvocato.porron_556 - 4 anni fa

    L’unica cosa positiva è che finalmente Zamparini se ne va a casa e non è più il Presidente del Palermo. Credo sia ed è stato il Presidente più incompetente della storia del calcio; falso, incapace, rozzo, ignorante; ha dilapidato una fortuna nel cambiare allenatori. Un autolesionista, non ci sono altre parole per definirlo. Quando Rossi, il commissario della FIGC voleva cambiare mettendo il calcio italiano nelle mani di Managers competenti, egli tuonò dicendo che non andava bene e che bisognava restituire il calcio a gente che ne capiva (Sicuramente non lui……), che fosse dell’ambiente (cioè che inciuciasse come diceva lui…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy