Ciaramitaro: “Palermo attento, il Cesena non fa sconti. La Gumina? Mi spiace solo una cosa…”

Le parole del doppio ex di turno: “Il Palermo può credere nel secondo posto, speriamo riesca a ottenere queste due vittorie”

“Il Cesena è nel mio cuore, è normale, ma per il Palermo questa è una partita molto più importante e deve chiaramente vincerla”.

Lo ha detto Maurizio Ciaramitaro, intervistato ai microfoni del ‘Giornale di Sicilia’. Il dirigente del Trapani, che in passato ha vestito le maglie di Palermo e Cesena, ha detto la sua in vista della gara valida per la quarantunesima giornata di Serie B, che andrà in scena domani pomeriggio allo stadio Renzo Barbera.

“Non sarà facile, perché avrà di fronte una squadra che non regala niente a nessuno. Conosco bene Castori, anche stavolta ha condotto la nave in porto e non avevo dubbi in merito, perché è uno che arriva sempre ai risultati prefissati. Ho visto le due partite con Stellone e probabilmente adesso ha trovato una maggiore quadratura a livello di squadra. Speriamo riesca a ottenere queste due vittorie, perché sarebbero vitali per l’obiettivo promozione. Credo che Nino stia dimostrando tutto il suo valore. Mi spiace solo che lo stiano sfruttando solo ora e in parte, perché è un giocatore con margini di miglioramento importanti. Lui, Fiordilino e Accardi sono stati fondamentali per questo gruppo, perché credo abbiano fatto capire agli altri quale sia la responsabilità di giocare con addosso la maglia del Palermo”, sono state le sue parole.

“Mi auguro che la gente riempia lo stadio, per l’importanza della partita e per la nomea di noi palermitani, che abbiamo sempre dimostrato la nostra vicinanza verso la squadra quando c’è un obiettivo di questa portata in palio. Credere nel secondo posto è ancora possibile? Sì, ci sono partite importanti e il Frosinone deve fare attenzione contro l’Entella: se dovessero steccare questa partita comprometterebbero la corsa alla salvezza, sarà dura per loro”, ha concluso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy