Ciaramitaro-Mediagol: “Il mercato del Palermo non paragonabile a quello del Bari, adesso serve rialzare la testa”

Le dichiarazioni dell’ex centrocampista del Palermo rilasciate nel corso dell’intervista concessa alla redazione di Mediagol.it

Maurizio Ciaramitaro e quella fede rosanero che non è stata mai scalfita durante il suo lungo ed intenso percorso da calciatore professionista.

L’ex centrocampista anche del Palermo, con i rosanero però poche presenze in prima squadra, ha provato ad analizzare la campagna acquisti condotta dalla dirigenza del club di Viale del Fante nel corso della sessione estiva di calciomercato. Il classe ’82, attualmente procuratore sportivo, ha rilasciato una lunga intervista alla redazione di Mediagol.it nel corso della quale si è anche soffermato sul momento negativo vissuto dagli uomini di Boscaglia in questo inizio di stagione.

“Il mister quando lavora su un modulo cerca sempre di portarlo avanti, probabilmente gli infortuni lo hanno costretto a puntare su un assetto tattico che magari gli avrebbe potuto dare qualche garanzia in più. Parliamo di un allenatore propositivo che pretende che vi siano tanti giocatori ad attaccare la porta, infatti mi fa strano che il Palermo in queste prime tre uscite non abbia trovato la via del gol. Credo che una serie di cose abbiano notevolmente inciso in questo avvio da dimenticare: dalle amichevoli non disputate, agli infortuni muscolari, fino al problema più grosso ossia il Covid. Adesso arriva una squadra importante come il Bisceglie, per i rosanero credo sia una buona cosa perché serve reagire offendo una grande prestazione domenica. Una squadra che conosce la categoria e ha un allenatore molto preparato come Bucaro, lo si è anche visto ieri quando ha battuto per 3-1 in trasferta il Foggia. Boscaglia è l’uomo giusto perché conosce bene questo campionato e sa cosa serve per vincere le partite, non ha ancora trovato l’amalgama della squadra, perché vi assicuro che non è questo il suo modo di giocare. Adesso bisogna tirar fuori tutto quello che si ha dentro tra staff, allenatore e giocatori per andar a fare punti. Importante ripartire subito perché nel momento in cui ti ritrovi con troppi risultati negativi alle spalle può subentrare la sfiducia. Il Palermo deve dimostrare di essere Palermo andando a Bisceglie e trovando la prestazione importante. Quella rosanero è una piazza che deve lottare per il vertice, ma è palese a tutti che il mercato messo in atto dal Bari non è paragonabile a quello del Palermo. Ricordiamoci che i pugliesi nelle ultime ore di mercato hanno preso due calciatori di qualità come Citro e Montalto, parliamo di due attaccanti di categoria superiore. La dirigenza del club di Viale del Fante sta costruendo la squadra che deve ancora amalgamarsi e sono sicuro che potrà dire la sua, però ha ragione Daniele Di Donato quando dice che ci sono delle squadre che hanno fatto un mercato diverso. I campionati non si vincono con i nomi, se la squadra riesce a girare come vorrà il mister potrebbe cambiare tutto. La squadra si deve ancora registrare, poi è chiaro che i leader e i bomber fanno la fortuna delle squadre. Adesso il Palermo ha preso un giocatore importante come Almici, un calciatore di categoria superiore che ha tanta personalità sulla corsia”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy