Cessione Palermo, rallentamento per il closing: tutto rimandato a dicembre?

Cessione Palermo, rallentamento per il closing: tutto rimandato a dicembre?

Il closing per la cessione del Palermo Calcio starebbe subendo un ulteriore slittamento, indirizzato verso il mese di dicembre

Il closing per la cessione del Palermo Calcio starebbe subendo un ulteriore slittamento, indirizzato verso il mese di dicembre.

(Cessione Palermo, slitta ancora il closing: Zamparini rientra in Italia, il motivo…)

Dopo il blitz londinese di Maurizio Zamparini, il patron rosanero è rientrato in Italia e sarebbe al momento molto fiducioso per il buon esito delle trattative con il fondo inglese: il viaggio dell’imprenditore friulano in terra britannica sarebbe infatti servito proprio per cercare di spiegare meglio la situazione riguardante la bufera giudiziaria che ha colpito la compagine siciliana (leggi qui) dato che, essendo il tanto chiacchierato fondo quotato in borsa, la possibile società acquirente andrebbe incontro a dei controlli da parte degli organi di vigilanza. Mancherebbero dunque le firme definitive ma, come riportato stamane da Il Giornale di Sicilia, le vicende giudiziarie che stanno attanagliando il Palermo Calcio avrebbero inevitabilmente rallentato l’affare.

(Inchiesta Procura di Caltanissetta, emergono nuovi dettagli: quando il giudice Sidoti perse la testa…)

Il rientro in Italia di Maurizio Zamparini, però, lascerebbe presagire che tutto si stia muovendo per  il verso giusto verso la cessione del club di Viale del Fante. Vi è dunque molta attesa per la data definitiva del fatidico closing, che presumibilmente dovrebbe slittare ancora alla prossima settimana e quindi ai primi di dicembre. Con una città che freme ed attende buone novelle, la cessione della società rosanero è stata dunque rimandata di qualche altro giorno o forse settimana, ma non appare comunque così distante.

(Inchiesta Procura di Caltanissetta, la nota di ANM: “Auspichiamo che gli accertamenti avvengano in tempi brevi”)

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 1 anno fa

    Si poi c’è Natale e se ne parla a gennaio…
    Come si fa a credere ad una cessione dove nessuno sa chi sia il compratore e le notizie le passa lui che notoriamente balle non ne racconta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto-Londra - 1 anno fa

      io non credo che si possa più dichiarare il fallimento se davvero c’è un compratore. Se il compratore non compra, a mio avviso, avremo problemi perché Zamparini sarà chiamato ad immettere le tranches del debito di Alessia più, se ben comprendo, 10 milioni di debiti pregressi verso procuratori.
      In totale siamo sui 35-39 milioni (ammesso e non concesso che immise i 4.5 in estate).
      Il problema è: li ha questi liquidi?
      I soldi passati ai figli non torneranno perché le donazioni, che io sappia, non sono retroattive.
      Senza compratore, zamparini rischia di veder fallire il Palermo che un qualunque acquirente prenderebbe a costo zero o 10 milioni di debiti verso procuratori.
      Se il Palermo fallisce Zampa rischia sempre di essere coinvolto in indagini etc.
      La sua unica salvezza è vendere.
      Capace che magari ci mette dei soldi pur di vendere e dimostrare che non esiste alcun fallimento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy