Cessione Palermo, Mirri non eserciterà l’opzione d’acquisto: “Ecco come stanno le cose. Foschi mi ha detto…”

Le dichiarazioni rilasciate dal noto imprenditore palermitano, Dario Mirri, che non eserciterà l’opzione d’acquisto

Ore concitate in casa Palermo.

Un momento estremamente delicato, quello vissuto dal club di viale del Fante, il cui futuro, ad oggi, appare sempre più incerto. La fatidica data è arrivata: entro la giornata di oggi, infatti, Dario Mirri doveva comunicare l’intenzione o meno di far valere l’opzione d’acquisto.

Il noto imprenditore palermitano, che nelle ultime settimane aveva provato a creare una cordata formata da un gruppo di imprenditori che potesse rilevare le quote del Palermo Calcio, ha fatto sapere che non eserciterà il diritto di prelazione. Diritto ottenuto nel mese di febbraio in seguito alla stipula di un accordo commerciale che ha permesso alla società rosanero di evitare quattro punti di penalizzazione in classifica con il pagamento degli stipendi.

Un dietrofront spiegato dallo stesso Mirri, intervistato ai microfoni di “Gds.it”.

“Domani usciremo con un comunicato ma si va verso la direzione ipotizzata oggi dai giornali ciò non significa nulla, Foschi mi ha rassicurato su tutto e mi ha detto che non ci saranno problemi per il pagamento degli stipendi entro lunedì. Se posso intervenire per altri quattro anni di pubblicità? No, ripeto che Foschi mi ha detto di essere sereno e di non avere problemi per quanto concerne il saldo degli stipendi ed evitare quindi la penalizzazione. Mi spiace che al momento non si sia concretizzata la possibilità di costituire una cordata pronta ad acquistare il club ma al momento la situazione è questa”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy