Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

Cessione club

Cessione Palermo, chi investe può arrivare dall’estero: quota minoritaria per Mirri?

Cessione Palermo, chi investe può arrivare dall’estero: quota minoritaria per Mirri?

L'allontanamento dello "spettro" del sequestro dei beni conservativi di Hera Hora riapre i colloqui tra Dario Mirri e i possibili fondi interessati ad investire nel Palermo Calcio

Mediagol (nic) ⚽️

"Le trattative per il futuro del Palermo, adesso, potrebbero subire un'accelerata", apre così l'edizione odierna del noto quotidiano "Giornale di Sicilia" focalizzando la propria attenzione sull'allontanamento dello spettro del sequestro dei beni conservativi di Hera Hora che riapre la strada ai colloqui per la cessione del Palermo Calcio.

Il Tribunale di Catania ha rigettato la richiesta che avrebbe portato al sequestro delle quote del club rosanero (LEGGI QUI) e, pertanto, alcuni dialoghi messi in stand-by in attesa del verdetto potrebbero riprendere nei prossimi giorni.

"Negli ultimi mesi, diversi soggetti si sono fatti avanti per cercare di rilevare il Palermo", si legge sul noto quotidiano. Chi contattando direttamente il presidente Dario Mirri, come nel caso del Raptor Group di Pallotta (LEGGI QUI I DETTAGLI). Chi, invece, tramite la banca d'affari Lazard.

"In questo periodo, non sono mancate le richieste di informazioni da parte di soggetti, per lo più esteri, ma anche da un gruppo italiano interessato alle vicende rosanero", si legge sul Gds. Resta concreta la possibilità che Mirri venda una quota maggioritaria del club, con l'obiettivo di restare in società. "Uno scenario che allontana, chiaramente, i soggetti che puntavano all'acquisto dell'intero pacchetto azionario del club", chiosa il "Giornale di Sicilia" sottolineando come lo stesso Pallotta rientrerebbe tra questi ultimi soggetti.

tutte le notizie di