Caso Palermo: club di B sul piede di guerra, playoff e playout a rischio. La situazione

Caso Palermo: club di B sul piede di guerra, playoff e playout a rischio. La situazione

Le società del campionato cadetto chiedono chiarezza, se il giudizio sul deferimento del club rosa dovesse arrivare oltre la data-limite fissata si procederebbe con una rivolta di massa con i club interessati agli spareggi pronti a boicottare i match in questione

Un anno fa il pressing del Cittadella indusse il Tribunale Federale a deliberare last minute (il 31 maggio) la penalizzazione di 2 punti al Bari, decisiva per determinare la classifica dei due club in vista dei play off. Un anno dopo l’affare è ancor più complicato e rischia di avere effetti clamorosi“.

Apre così l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, analizzando quella che senza dubbio risulta essere un ulteriore partita che il Palermo giocherà da qui al termine della stagione per essere sicuro di poter disputare i playoff promozione nel caso in cui non dovesse arrivare l’accesso diretto alla massima serie. I club del campionato cadetto, tra chi è interessato alle zone nobili della classifica e chi invece non naviga in acque sicure, sono sul piede di guerra dopo che l’udienza sul possibile commissariamento del Palermo Calcio è slittata a fine mese. Il possibile deferimento dei rosa a causa delle pesanti accuse di falso in bilancio degli ultimi tre esercizi comportebbe dei provvedimenti pesanti e determinanti in ottica promozione, ecco spiegato perché le società di B si starebbero muovendo per far pressione alla Federazione e alla Procura Federale affinché la decisione sulla possibile penalizzazione ai siciliani arrivi prima dell’inizio dei playoff. Se i tempi dovessero allungarsi e l’eventuale penalizzazione arrivasse al termine della stagione, i rosa partirebbe di certo col meno in classifica nel prossimo campionato, ma ad oggi il futuro è avvolto nel mistero. Partendo dal presupposto che in Federazione le acque sono tutt’altro che calme quando si parla di Palermo, con l’affiliazione a rischio, i club di B premono affinché venga fatta chiarezza sulla posizione dei siciliani per evitare che venga falsato il risultato del campionato.

Avv. Di Cintio: “Play-off a rischio per il Palermo? Tipologie di sanzioni molto ampie, dipende da…”

I più arrabbiati addirittura minacciano un boicottaggio di massa a playoff e playout. E convocano summit informali per la prossima settimana. Sì, perché i legali delle società in fondo alla classifica fanno notare che il deferimento prospetta inadempienze che potrebbero portare all’esclusione del campionato. Un’eventualità estrema che evidentemente mette in gioco gli interessi proprio di tutti. Ma anche una robusta penalizzazione riscriverebbe la griglia delle squadre qualificate ai playoff“.

Palermo, rischio crac: la Procura chiederà la retrocessione in Serie C. I dettagli

Stando a quanto riporta la rosea, la Lega B avrebbe messo al 10 maggio la data-limite per il giudizio sul Palermo, giorno nel quale i rosanero potrebbero conoscere gli effetti che il deferimento avrà sulla corsa degli uomini di Delio Rossi verso la A. Il presidente Mauro Balata, che quest’anno si è speso più volte a difesa dei diritti della categoria cadetta, ha dato un segnale chiaro al club siciliano col quale da mesi, tra cessione mancata e guai giudiziari, il dialogo è incandescente. La travagliata stagione di B, iniziata sotto la minaccia dell’inserimento in corsa di tre club per riportare a 22 il format, sembra non avere mai fine e se il giudizio sul Palermo dovesse arrivare dopo il 10 maggio potrebbe concludersi con una rivolta di massa.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. spargi49 - 1 anno fa

    Tutti i cani pronti ad addentare l’oss

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy