Brignoli: “Caos societario? Stipendi pagati, ora sappiamo che la A è valore aggiunto. Palermo città strepitosa”

Brignoli: “Caos societario? Stipendi pagati, ora sappiamo che la A è valore aggiunto. Palermo città strepitosa”

L’estremo difensore rosa spiega come i problemi societari abbiano influito sul rendimento delle ultime gare: raggiungere la promozione sarebbe un valore aggiunto ad una stagione complicata fuori dal campo

Qua c’è tutto per far bene, al di là dei problemi societari, sto bene in una città strepitosa. E la mia ragazza, Camilla, sta da dio“.

Sono queste le parole di Alberto Brignoli che, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha esaltato la città di Palermo in tutte le sue sfaccettature. Il campo da soddisfazione al classe ’91, minutaggio elevato e porta inviolata in sei occasioni fanno di lui una garanzia per Stellone e lo staff tecnico che contano sulle prestazioni del numero 1 per dar sicurezza all’intera compagine rosanero. Eppure, nonostante le prestazioni, a distogliere l’attenzione dei giocatori ha influito il caos societario che fino a qualche settimana fa si poneva come macigno per il futuro del club: “Un po’ ha influito nel rendimento, non tanto durante i 90’, quanto nella settimana. Però è passato ci hanno pagato gennaio e febbraio, ora sappiamo che la A è un valore aggiunto per il club“.

Ora in 9 partite facendo 6 vittorie, 2 pari e una sconfitta sei in A: 20 punti. Se perdi, la promozione si deciderà negli scontri diretti, ma se pareggi te la giochi poi con lo Spezia e il Cittadella in casa, o a Livorno– ha ammesso l’ex Juventus e Benevento-. Ma fondamentale è vincere a Cosenza: arriveresti alle sfide con Pescara, Verona e Benevento potendo anche pareggiare“.

Leggi il resto dell’intervista:
Brignoli: “Ecco cosa serve per fare il portiere del Palermo. Io incosciente, ma grazie a Sicignano e Pomini…”

Brignoli: “Sorrentino? Mio obiettivo è fare ciò che ha fatto lui a Palermo”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy