Albanese-Mediagol: “Gesto Mirri spero possa attrarre investitori per il club rosa. Il contratto quadriennale…”

L’intervista esclusiva realizzata dalla redazione di Mediagol.it con il presidente di Sicindustria, Alessandro Albanese, sul momento particolarmente delicato in cui versa il Palermo calcio…

Il rischio penalizzazione è stato momentaneamente scongiurato grazie all’intesa tra il Palermo e Damir che consentirà al club rosa di provvedere al pagamento di stipendi e oneri entro il termine prefissato. Una soluzione tampone che non cancella però sofferenze, criticità ed incognite presenti e future per la società di viale del Fante, ancora alla ricerca di un vero acquirente che ne risani le finanze e ne rilanci le ambizioni.

Il futuro del Palermo è stato tra i temi affrontati nel corso dell’intervista esclusiva realizzata dalla redazione di Mediagol.it con il presidente di Sicindustria, Alessandro Albanese.

“Adesso bisogna che tutti lavoriamo affinché si trovino i compratori, e per questo possiamo contare su imprenditori validi, come la stessa famiglia Mirri, che farà anche da supporto e vicinanza. Però, ci vuole un compratore nel settore del calcio che possa dare una bella iniezione di denaro e di fiducia, perchè le squadre di calcio non sono imprese normali, non sono imprese con le quali puoi fare i conti con dilazioni e le trattative sono diverse. Grazie a Dio dopo la vicenda Parma sono state adottate regole più stringenti, e pertanto bisogna trovare qualcuno in fretta. Io mi auguro che questa dichiarazione d’amore della famiglia Mirri e degli altri imprenditori, possa servire e serva agli investitori che vengono dall’Italia e dall’estero per approcciarsi al Palermo. Area comunicazione già blindata può essere un ostacolo che complica l’approccio per gli investitori futuri? Non penso, perché il rischio è tale per la Damir, che era giusto avere un contratto abbastanza blindato. Chi acquista il Palermo acquista una squadra con tante sfaccettature, una squadra che ha la possibilità di andare in Serie A, considerando anche quello che ne verrà poi dal credito per diritti televisivi. Situazioni da valutare, chiaramente, al momento che ci si siede per acquistare. Ma in questo senso penso che la famiglia Mirri abbia fatto tanto e continuerà a fare tanto”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy