ACR Messina, Zeman e il legame con Palermo: “Con lo stadio ‘La Favorita’ amore a prima vista. Domenica ce la giocheremo”

“Ci divertiremo e spero anche di riuscire a far divertire i nostri tifosi. Per me sarà sicuramente una grandissima emozione giocare a casa mia”

Ho fatto la scuola elementare alle Ancelle Riparatrici del Sacro Cuore di Gesù e dall’età di 2 anni ho iniziato a respirare il grande calcio“.

Questi i ricordi d’infanzia Karel Zeman, tecnico dell’ACR Messina, nato a Palermo e figlio del grandissimo Zdenek. L’allenatore giallorosso ha un legame particolare con la città del capoluogo siciliano: “A Palermo ci sono nato e cresciuto – ha raccontato Zeman ai microfoni de La Repubblica -. Mio papà mi portava con lui agli allenamenti e l’ho sempre visto come un punto di riferimento, pur essendo molto piccolo. E proprio con lo stadio ‘La Favorita’ è stato amore a prima vista. Il mio primo impatto con il mondo del calcio“.

Serie D, Palermo-ACR Messina: arbitra Andrea Ancora di Roma 1

Il papà gli ha trasmesso la passione per il calcio ed i primi passi e ricordi legati al mondo del pallone iniziano proprio  Palermo: “È difficile pensare ad un singolo aneddoto – racconta Zeman – ma sicuramente ho tanti bei ricordi. Giocavo a bordocampo con un pallone mentre mio padre dirigeva gli allenamenti. Non ho mai visto le partite da tifoso, ma sempre con un occhio critico e sotto il profilo didattico e questo grazie a mio papà. E probabilmente da sempre ho sentito l’esigenza di ripercorrere le sue orme. Non posso dimenticare il mio primo impatto con i calciatori – continua – in particolar modo Maurizio Schillaci, Giacomo Modica e Castrense Campanella. Maurizio Schillaci era impressionante mentre con Giacomo Modica ho ancora oggi un ottimo rapporto“.

Palermo-ACR Messina, niente boom biglietti: poca affluenza ai botteghini

Domenica la sfida contro i rosanero, con il suo 4-3-3 offensivo che è ormai un segno distintivo della famiglia Zeman: “Ai campi Castelnuovo, con mio padre, ho imparato tanto, i metodi sono gli stessi e la visione del calcio anche, ma poi ogni allenatore ha il suo stile. È vero che siamo in crescita e sono contento della prestazione messa in campo contro il Biancavilla, ma dobbiamo ancora lavorare tanto e migliorare sotto tanti punti di vista. Il Palermo è sicuramente la favorita per la vittoria del campionato, ma noi ce la giocheremo, ci divertiremo e spero anche di riuscire a far divertire i nostri tifosi. Per me sarà sicuramente una grandissima emozione giocare a casa mia, con la mia famiglia sugli spalti – ha concluso Zeman –. Le festività le ho sempre trascorse a Palermo, i miei parenti vivono lì“.

Palermo, tour de force verso il giro di boa: ultime cinque insidie per i rosanero, scocca l’ora della verità

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy