Verona, Gresele dimesso dall’ospedale: era stato folgorato dai fili del treno, al via il percorso di riabilitazione

Il giovane terzino del Verona, dopo il grave incidente avvenuto ad inizio febbraio, è stato dimesso nelle scorse ore dall’ospedale

verona

Andrea Gresele è pronto a tornare a casa.

Incubo finito per Andrea Gresele, diciottenne terzino destro della Primavera dell’Hellas, rimasto folgorato dopo aver toccato i fili dell’alta tensione a seguito di una caduta dal treno. Il calciatore, uscito dal coma lo scorso 17 febbraio dopo essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico per ridurre un edema cerebrale, è stato dimesso questa mattina dall’ospedale in cui era ricoverato per fare ritorno a casa. A darne notizia è stato lo stesso club scaligero attraverso una nota ufficiale in cui il Verona, comunica che il giovane Gresele proseguirà il proprio percorso riabilitativo fuori dalla struttura ospedaliera.

“Andrea Gresele è stato dimesso dall’ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar e proseguirà la convalescenza a casa, vicino alla sua famiglia e ai suoi cari”.

A mostrare la propria vicinanza al giovane terzino, anche il presidente Setti: È un giorno speciale e di grande gioia. Siamo contenti per Andrea, per la sua straordinaria famiglia, che ha affrontato il difficile momento con grande determinazione e pari lucidità. Noi ci siamo messi a disposizione del ragazzo, della famiglia e di chi lo ha preso in cura. Niente di straordinario, ci siamo fatti anzitutto condurre dalle ragioni del cuore: Andrea è uno di famiglia, della nostra, grande famiglia dell’Hellas, e continueremo a stargli accanto”, le parole del numero uno dell’Hellas al sito ufficiale del club.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy