Valenti (Ludos)-Mediagol: “Siamo stati contattati anche da Ferrero, ma il progetto di Mirri e Di Piazza…”

Valenti (Ludos)-Mediagol: “Siamo stati contattati anche da Ferrero, ma il progetto di Mirri e Di Piazza…”

Le parole di Cinzia Valenti, presidente della Ludos: la società calcistica femminile costituirà il nocciolo centrale del nuovo Palermo femminile

Di Massimiliano Radicini.

Il Palermo femminile nascerà grazie alla ASD Ludos. Dopo aver ottenuto il titolo sportivo del club rosanero, Dario Mirri e Tony Di Piazza dovranno iniziare a lavorare sodo per rendere concreto il loro progetto: primo passo sarà quello di iscrivere la nuova società al prossimo campionato di Serie D entro domani, ultimo giorno per presentare tutta la documentazione e versare un milione di euro necessario a completare l’iscrizione. Il piano del duo di imprenditori comprende anche la formazione della Prima squadra femminile e di tutto il settore giovanile, punto fondamentale indicato nell’avviso pubblico del sindaco Leoluca Orlando.

Per tale motivo Mirri ha stipulato un accordo con la ASD Ludos, società calcistica palermitana in attività da quasi trent’anni, che andrà a costituire lo scheletro della nuova squadra femminile. A commentare tale progetto è intervenuta la presidentessa della società, Cinzia Valenti, che ha in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it ha raccontato l’evoluzione del movimento calcistico femminile negli ultimi anni: “Il movimento del calcio femminile al Sud è nato con più ritardo rispetto alle altre regioni, anche come accordi tra le società maschili e femminili. Da due anni a questa parte però, quando i Della Valle hanno rilevato la Fiorentina femminile con cui per tanti anni ci siamo scontrati nei campionati Nazionali, tutti i club di serie A, serie B e Lega Pro hanno iniziato a muoversi verso il calcio femminile. Quest’anno noi della Ludos abbiamo giocato contro il Potenza, e la squadra maschile aveva appena vinto la Lega Pro. Il movimento in tutta Italia non è più indifferente, il livello è cresciuto ed è frutto di un progetto della Federazione iniziato nell’annata 2014/2015 che prevedeva l’obbligo di allestire un Under 12 con almeno 20 giocatrici fino ad oggi in cui vi è l’obbligo per tutto il settore giovanile fino ad arrivare alla prima squadra“.

Valenti (Ludos)-Mediagol: “Tutti i dettagli sul Palermo femminile. Mirri? L’unico a mettere nero su bianco”

Infine un commento su Massimo Ferrero, anche lui in corsa per l’acquisizione del Palermo, che era sbarcato in città accompagnato da Pamela Conti promettendo di rendere ancora più importante il calcio femminile in città: “Da parte loro siamo stati contattati subito il giorno in cui il presidente è arrivato a Palermo, Pamela Conti doveva interfacciarsi con una realtà consistente, parliamo di società organizzate, con esperienza e che hanno giocato tanti campionati a livello Nazionale. Abbiamo scambiato quattro chiacchiere molto rapidamente per farci un’idea, dopo ventiquattro ore è stato annunciato il ritiro di Ferrero che poi però è tornato in corsa. Noi abbiamo seguito la nostra strada e scelto il progetto che ci convinceva di più“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy