Superlega, anche JP Morgan abbandona il progetto: “Impareremo da questo errore”

La banca statunitense, finanziatrice del progetto con un prestito da 3,5 miliardi, fa marcia indietro

superlega

JP Morgan prende le distanze dal progetto Superlega.

Non accennano ad abbassarsi i riflettori sul fallimento della Superlega avvenuto appena 48 dopo l’annuncio della sua nascita. Una vicenda che sta avendo forti ripercussioni non solo nel mondo del calcio, ma anche in quello dell’economia.

Il naufragio del progetto promosso da Florentino Perez e André Agnelli, che fin da subito ha fatto tremare il mondo del pallone, ha infatti avuto un forte impatto anche dal punto di vista finanziario: portando ad un declassamento di JP Morgan, da parte di Standard Ethics, proprio a causa della Superlega. 

La banca d’affari americana, principale finanziatrice della competizione, ha voluto per questo fare marcia indietro, annunciando ufficialmente il proprio addio al progetto attraverso le colonne del New York Times.

“Abbiamo chiaramente giudicato male il modo in cui questo accordo sarebbe stato visto dalla comunità del calcio e il modo in cui l’avrebbe interessata in futuro. Impareremo da questo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy