Sorrentino: “A Palermo mi sono sentito sempre amato. Io nato a Cava per caso, vi racconto”

Le dichiarazioni dell’ex rosanero, Stefano Sorrentino, alla vigilia di Cavese-Palermo

“Tifo Palermo, il futuro sarà rosa”.

Ha esordito così, l’ex portiere di Torino, Chievo e Palermo, Stefano Sorrentino, che intervenuto ai microfoni de ‘La Repubblica’, ha detto la sua sulla gara contro la Cavese, raccontando un curioso retroscena legato alla sua nascita e alle sue origini: “È vero che sono nato a Cava dei Tirreni, ma è accaduto solo per caso. Mio padre, in quel periodo, giocava con la Nocerina e l’ospedale più vicino era lì. Quando va in campo il Palermo, tifo sempre per i colori rosanero. Domani non c’è dubbio che le mie speranze saranno tutte indirizzate per una vittoria della formazione di Boscaglia”.

Tre anni e mezzo trascorsi a difendere la porta del Palermo: “Il ricordo più bello? Dovrei scegliere fra tanti, perché è stato un periodo molto significativo della mia vita. Potrei dire la promozione in serie A, oppure il primo giorno che sono arrivato in città. Non appena atterrato a Punta Raisi, io e la mia famiglia ci siamo sentiti subito amati. Questo sentimento e questa emozione non sono più cambiati”.

Dopo aver conseguito il patentino di direttore sportivo, Sorrentino sta ancora riorganizzando il suo futuro: “Mi sto guardando intorno. Intanto collaboro con Pastorello, che era il mio procuratore. In futuro, si vedrà”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy