Sassuolo-Bologna, Mihajlovic: “11 contro 11 non c’è stata partita, gara rovinata dal Var. C’è rabbia, il loro gol…”

Nel postgara del “Mapei Stadium”, il rammarico del tecnico del Bologna, Sinisa Mihajlovic

Bologna

Il rammarico di Sinisa Mihajlovic.

Bologna

Dopo il pari esterno contro il Sassuolo, il tecnico del BolognaSinisa Mihajlovic, si presenta ai microfoni del format di “Dazn” con un tono rammaricato, frutto dell’espulsione del difensore felsineo Aaron Hickey, decretata dal direttore di gara, dopo la consultazione al VAR. Di seguito le dichiarazioni del tecnico rossoblù.

“Prevale la rabbia. In 11 contro 11 non c’è stata partita, poi con il rosso è cambiato tutto. Abbiamo sofferto poco, ci siamo difesi bene e abbiamo rischiato pochissimo, prendendo il pareggio su un rimpallo. Mi dispiace perché non capisco come faccia a non fischiare il fallo e poi dare il rosso. Non riesco a capire. Con l’Udinese Samir è entrato su Orsolini, un intervento molto peggio di questo, e non è stato nemmeno ammonito. Non c’era il rosso, con il giallo nessuno avrebbe detto nulla. L’arbitro ha rovinato la partita”.

LA MENTALITA’ DELLA SQUADRA – Anche con l’Udinese eravamo in 10 e abbiamo preso gol all’ultimo, facendo molto bene. Dobbiamo migliorare quando rimaniamo in 10, ma spero non succeda spesso, e dobbiamo aver più personalità nel giocare. Oggi molto bene dal punto di vista difensivo, loro hanno provato soltanto tiri da 20 metri. E il gol preso era una conclusione innocua, mi ricorda un po’ il gol preso con la Juventus. I rimpalli finiscono sempre a loro, siamo un po’ sfortunati. Mi resta il rammarico, se guardo le partite con il Sassuolo tra andata e ritorno: potevamo fare sei punti, ne abbiamo fatto uno solo”.

SKOV OLSEN – E’ offensivo, ma rispetto ad Orsolini è più concentrato e ha più gamba. Può fare la differenza, oggi si è sacrificato come tutti. In 10 serviva gara da squadra, abbiamo dimostrato di esserlo. Chissà in 11 contro 11 come sarebbe andata…”

LA STRADA PER LA CONTINUITA’ “Abbiamo sempre fatto prestazioni, forse a Benevento non abbiamo avuto il nostro solito atteggiamento. Oggi ho fatto vedere un video: devono capire che, per l’ulteriore step, è l’atteggiamento mentale a fare la differenza. Non abbiamo problemi tattici, tecnici o fisici, ma è l’atteggiamento mentale. E oggi in 10 abbiamo fatto bene e in 11 siamo stati superiori al Sassuolo. Abbiamo tanti ragazzi giovani, ci stanno gli alti e bassi. Cerchiamo la continuità”.

TRE RISULTATI UTILI CONSECUTIVI- “So che possiamo fare di più, li vedo tutti i giorni: in allenamento, penso ‘se lo facciamo in partita…’. Stanno crescendo, siamo un po’ sfortunati. Questa squadra merita di più, abbiamo avuto tantissimi infortunati e non avevamo cambi. Ora abbiamo recuperato quasi tutti, è più facile gestire. Alla fine faremo quello che dobbiamo fare, lo spirito è quello giusto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy