Saraniti: “Le critiche non mi preoccupano, vado avanti! Non sono come Totti, ma darò tutto per il Palermo”

Andrea Saraniti, tra passato, presente e futuro: l’attaccante rosanero si racconta

Saraniti

Parla Andrea Saraniti.

Arrivato in Sicilia quest’estate dal Lecce, coronando il desiderio di poter giocare nella squadra della sua città, l’attaccante rosanero, nato e cresciuto a Palermo ma maturato a Vibo la Valentia con la casacca della Vibonese, ha un obiettivo: strascinare in alto, a suon di gol, la squadra di mister Boscaglia. Il classe ’88, infatti, intervenuto ai microfoni de ‘La Gazzetta dello Sport’, si è detto pronto e deciso a continuare a conquistare la stima dei compagnie quella dei tifosi.

Di seguito, le sue dichiarazioni.

“Le critiche non mi preoccupano, soprattutto quelle da tastiera. Ho le spalle larghe. E poi, a Palermo sono stati criticati Toni e Cavani, figuriamoci se non criticano Saraniti. All’inizio non è stato facile, ma non mi deprimo facilmente. Infatti col tempo, grazie ai compagni, è uscito il vero Saraniti e ci si è ricreduti. Difficile per un palermitano giocare nel Palermo? Non mi sono posto mai il problema in questi termini: io sono felice e orgoglioso di difendere i colori della mia città. Non sono venuto certo per fare il profeta in patria, anche perché non sono Totti. Vivo questa situazione in maniera tranquilla, dando sempre il massimo in campo e fuori”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy