S. Tuttolomondo: “Non scappiamo da Palermo, anche la Lega ha sbagliato. Dal punto di vista tecnico…”

S. Tuttolomondo: “Non scappiamo da Palermo, anche la Lega ha sbagliato. Dal punto di vista tecnico…”

Le dichiarazioni live rilasciate in conferenza stampa dal direttore finanziario di Arkus Network, Salvatore Tuttolomondo: “Tra i vari pagamenti voglio mettere in conto che abbiamo sanato circa 5 milioni di euro di debiti verso lo stadio”

In casa Palermo scoppia il giallo.

L’iscrizione al prossimo campionato di Serie B da parte del club rosanero si è praticamente trasformata in un vero e proprio rebus, del quale si deve ancora comprendere con chiarezza la soluzione.

Intervenuto in conferenza stampa per fornire delle delucidazioni in merito alla situazione attualmente in essere all’interno della società di Viale del Fante, il direttore finanziario di Arkus Network, Salvatore Tuttolomondo, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni relativamente ad alcune questioni tecnico-procedurali, nonché sul pagamento del debito relativo allo Stadio “Renzo Barbera“.

Noi non scappiamo da Palermo, anche la Lega ha sbagliato nei nostri riguardi nei giorni scorsi. Aggressioni giuridiche? Nel caso sapremo come replicare e come reagire, non siamo la parte inadempiente perché c’è stata una causa di forza maggiore. I nostri legali sono confidenti con il nostro atteggiamento, se tra i nostri competitors ci sarà qualcuno che ricorrerà contro di noi, anche noi abbiamo il diritto di replica. Starò a Palermo tutta l’estate anche per risolvere questa situazione. Ci sono state una serie di mail, sappiamo che da un punto di vista tecnico-procedurale è tutto a posto. Tra i vari pagamenti voglio mettere in conto che abbiamo sanato circa 5 milioni di euro di debiti verso lo stadio che erano anni che non si pagavano. Se è nato un problema non è colpa nostra“.

(S. Tuttolomondo: “Abbiamo sempre mantenuto i nostri impegni, ci batteremo se dovesse accadere il peggio”. E sul sindaco Orlando…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy