S. Tuttolomondo-Mediagol: “Tutta la verità sulla Pec che ci ha inviato la Lega B, Balata ha confuso pere con mele…”

S. Tuttolomondo-Mediagol: “Tutta la verità sulla Pec che ci ha inviato la Lega B, Balata ha confuso pere con mele…”

“Sono bravi tanto a fare le Pec di sabato pomeriggio, voglio sperare che siano altrettanto bravi a lavorare come noi la domenica, benché sia un giorno festivo”

Di Massimiliano Radicini.

Salvatore Tuttolomondo non ci sta. Nel pomeriggio di ieri, la Lega B ha notificato una Pec al Palermo Calcio, nella quale chiedeva il pagamento, entro lunedì 24, di circa due milioni di euro per rientrare nei parametri normativi federali relativamente alla pratica di iscrizione al campionato. La cifra che il club di viale del Fante era consapevole di dover legittimamente saldare, riferibile ai cosiddetti debiti sportivi, ammonta a circa 328 mila euro. La differenza dovuta, secondo il contenuto della mail certificata inviata a firma del presidente della Lega B, sarebbe da imputare ad alcuni pignoramenti notificati alla Lega inerenti crediti vantati da terzi nei confronti del club rosanero. Intervistato dalla redazione di Mediagol.it, il direttore finanziario di Arkus Network ha spiegato nel dettaglio quanto è accaduto: “Decisione inaspettata? Sono bravi tanto a fare le Pec di sabato pomeriggio, voglio sperare che siano altrettanto bravi a lavorare come noi la domenica, benché sia un giorno festivo. Tuttavia sintetizzo: ieri pomeriggio intorno alle 18 arriva una Pec, anomala come mezzo di comunicazione, come orario e come giorno. Come tutti sanno ormai il sabato è una giornata tradizionalmente non lavorativa e non c’è nessuno al mondo che apra una Pec; siccome noi siamo vigili e siamo prevenuti su tutto da quando ci siamo calati in questo scenario, nel quale abbiamo assistito a una serie di nefandezze e tutt’ora ne assistiamo, abbiamo aperto questa Pec: e c’era una comunicazione a firma del presidente Balata che confondendo pere con mele, ci intima di versare entro lunedì, termine ultimo per l’iscrizione, altri due milioni di euro non dovuti“.

Tuttolomondo ha poi proseguito illustrando nel dettaglio le prossime mosse del club di viale del Fante: “L’abbiamo immediatamente contestata per iscritto con altrettanto Pec da parte dei nostri legali, ritenendolo responsabile del pregiudizio, e ci siamo riservati di notiziare anche l’autorità giudiziaria in sede penale. Le modalità con cui è stato notificato e il tono della comunicazione, a mio avviso e anche dei nostri legali, ha profili penalmente rilevanti“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy