Palermo, tifosi divisi sul nuovo logo. L’ideatore Li Muli: “Un ponte tra passato e futuro, l’aquila la P e il rosa…”

Palermo, tifosi divisi sul nuovo logo. L’ideatore Li Muli: “Un ponte tra passato e futuro, l’aquila la P e il rosa…”

“Non posso anticipare come sarà inserito nella maglia, ma di base abbiamo tolto lo scudetto. Anzi, posso dire che questa parola è stata completamente abolita”

Hera Hora.

Il Palermo è pronto a rinascere e lo farà col duo palermitano Mirri-Di Piazza. Tante idee e tanti buoni propositi per la nuova proprietà del club rosanero. Il progetto è stato svelato, ma i suoi dettagli si conosceranno nei prossimi giorni, quando verrà indetta una conferenza stampa di presentazione. L’unica novità di cui si sa tutto, o quasi, è il nuovo logo. Un taglio netto col passato, uno stemma moderno, minimal e accattivante al tempo stesso.

Palermo, ecco i jolly di Hera Hora: dai vivai alle donne, passando per il recupero del campo rom…

I tifosi in questo momento sono però leggermente divisi, tra chi si è già abituato al nuovo e chi è fortemente legato allo “scudetto” del passato. Per alcuni sono troppi i ricordi, belli o brutti che siano, legati al vecchio logo. Il nuovo Palermo vuole però essere giovane, moderno e innovativo. Il nuovo logo è praticamente un «P» stilizzata. Intervistato da Il Giornale di Sicilia, l’ideatore dello stemma Danilo Li Muli ha spiegato: “È un logo che vuole creare un ponte tra passato e futuro, legato alla forma iniziale e alla storia gloriosa del Palermo, ma in modo semplice e stilizzato, per tornare a farlo volare. Radici e ali, appunto. Il concept di base è proprio l’unione tra elementi come la P di Palermo, l’aquila e il lettering molto semplice, pulito e contemporaneo“.

Palermo, vecchio sito ufficiale offline: spariscono tutti i comunicati e le foto, resta solo il logo. I dettagli

Per sapere come lo vedremo nelle maglie bisogna ancora attendere: “Non posso anticipare come sarà inserito nella maglia, ma di base abbiamo tolto lo scudetto. Anzi, posso dire che questa parola è stata completamente abolita. Ci saranno nuove tecniche applicative, ma abbiamo voluto evitare la forma a scudo proprio per ringiovanire il modo di vedere il logo di una squadra di calcio. L’idea è quella di renderlo più eclettico per il merchandising anche a livello internazionale e per l’abbigliamento, non solo sportivo. Di base deve diventare un logo che possa accompagnare l’immagine della squadra e della città“.

Palermo, il primo obiettivo di Mirri: Bucaro come allenatore. In corsa anche Lucarelli, per il ruolo di ds piace Laneri

Ci saranno diverse varianti, magari tra prima, seconda e terza maglia: “Ci saranno altre forme, questo è certo. C’è un manuale applicativo del logo che verrà presentato in conferenza stampa e il logo stesso vivrà con più soluzioni. Quella ufficiale è quella presentata, ma potrà presentarsi in tante applicazioni. Io sono il designer in prima persona, ma la squadra è composta dai collaboratori della mia azienda, Gomez&Mortisia. In più hanno lavorato al progetto Pillo Esposito di Immedia e Lorenzo Barbera, che mi ha dato una mano sulla ricerca di marketing, oltre a Gaetano Lombardo e Dario Mirri, che ha partecipato in prima persona. È stato molto coinvolgente e coinvolto nella scelta del logo“.

Non tutti i tifosi sono contenti e soddisfatti, ma Li Muli è sicuro che l’innovazione e la modernità avranno la meglio: “È chiaro che il conosciuto dia maggiore sicurezza e tranquillità, l’ignoto invece porta a doversi abituare. Mi aspettavo anzi una reazione più dura, invece il fatto che buona parte del pubblico abbia gradito questa novità è piacevole. È una dimostrazione anche di maturità verso certe cose, inoltre c’è un gruppo felice dietro. Se è questione di abitudine? Ma sì, anche il logo della Juventus all’inizio sembrava essere stato bocciato, adesso guai a chi glielo tocca. È un concetto completamente diverso ed è un nuovo modo di vedere un marchio, non per forza collegato al calcio. Se si mette accanto agli altri, tutti sembrano più vecchi. Nella logica estetica che fa un designer, tutto deve portare all’innovazione e in questo caso anche alla semplicità di unire tre elementi: l’aquila, la P e il rosa. Abbiamo fatto una fusione di questi elementi dando il senso di contemporaneità“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy