Palermo, si progetta il futuro: l’identikit del nuovo allenatore e le mosse di mercato

Palermo, si progetta il futuro: l’identikit del nuovo allenatore e le mosse di mercato

Il club rosanero valuta tutte le possibili ipotesi. I papabili per la panchina e gli obiettivi per rinforzare l’organico

Caccia ai rinforzi e all’allenatore, ma senza fretta“.

Apre così l’edizione odierna de La Repubblica parlando delle mosse del Palermo in vista del prossimo campionato. Qualunque tipo di ragionamento, però, è corretto a slittare in avanti, visto che i professionisti torneranno in campo per concludere la stagione e la campagna trasferimenti inizierà il primo settembre e si concluderà il 5 ottobre. Il club rosanero ha quindi ampio margine per poter studiare il da farsi e sfruttare questo piccolo vantaggio.

Per quanto concerne l’allenatore per il dopo-Pergolizzi, il Palermo ha nel mirino diversi profili, la maggior parte di loro accomunati dallo stesso ‘problema‘, ovvero quello che sono sotto contratto con club che riprenderanno i campionati interrotti a causa del Covid-19. Il sogno è quello di Roberto Boscaglia, allenatore dell’Entella, mentre Fabio Caserta e Vincenzo Italiano, rispettivamente alla guida di Juve Stabia e Spezia, sono le alternative.

Oltre a loro poi vi è il lungo elenco di possibili outsider. Delio Rossi si è autocandidato, facendo sapere di esser disposto a ripartire della C con i colori rosanero. Grassadonia e Calori, infine, completano la lista dei tecnici che la società di viale del Fante sta monitorando.

Palermo, cda infuocato: Di Piazza prova a ricucire, Mirri fredda lo zio d’America

L’altro fronte sul quale il duo Sagramola-Castagnini sta lavorando è quello relativo ai nuovi innesti per costruire un organico in grado di lottare per i primi posti nel prossimo torneo di Serie C. Ormai praticamente certe le conferme di Pelagotti, Lancini, Crivello, Accardi, Martin, Martinelli e Floriano, mentre tanti altri sono ancora in via di valutazione.

Palermo, Mirri-Di Piazza e la ragion di stato: posizioni divergenti e distanze siderali, prove di tregua per il bene del club

In entrata piacciono diversi attaccanti, reparto che verrà ampiamente rivoluzionato rispetto alla stagione appena trascorsa. Francesco Fedato del Gozzano, Gianmario Comi della Pro Vercelli, Daniel Ciofani e Antonio Piccolo della Cremonese: i nomi più caldi. In mediana interesse per Giovanni Sbrissa della Pergolettese e per il palermitano Sonny D’Angelo del Livorno. Ha aperto ad un ritorno, infine, Simone Lo Faso, che ha inviato messaggi d’amore per il club rosanero.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sbt5 - 2 mesi fa

    L acquisto più forte sarà Lo faso grande giocatore da serie A.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy