Palermo, oggi il primo passo di Hera Hora: iscrizione, allenatore e ds per ripartire. Bucaro e Laneri in pole, ma….

Palermo, oggi il primo passo di Hera Hora: iscrizione, allenatore e ds per ripartire. Bucaro e Laneri in pole, ma….

Ultime formalità da sbrigare a Roma per l’iscrizione in Serie D, poi ci si concentrerà sul campo: il coach palermitano attende una chiamata per la panchina, da sciogliere il nodo ds

Il primo passo. Oggi il Palermo completerà a Roma una formalità già espletata da tempo, depositando in Federazione i documenti necessari per l’iscrizione in sovrannumero al prossimo campionato di Serie D e scrivendo il proprio (nuovo) nome nel panorama calcistico nazionale

Con queste parole si apre l’edizione odierna de Il Giornale di Sicilia, che riferisce come si tratti dell’atto concreto di una rinascita già partita grazie alla scelta del sindaco Leoluca Orlando, poiché è proprio in quella fase che Hera Hora avrebbe prodotto tutte le carte richieste da Figc e Lega Nazionale Dilettanti.

La consegna definitiva di quanto previsto dalla Federazione, incluso il milione di euro sotto forma di assegni circolari, segnerà dunque l’inizio di una nuova era in casa rosanero ma si tratterebbe solo di un primo passo, cui dovranno seguirne altri nei prossimi giorni a venire: dalla presentazione del progetto alla scelta dell’allenatore, oltre che del direttore sportivo. Poi toccherà ai calciatori, anche perché fra due settimane si parte per le Madonie in vista del ritiro estivo e tra poco più di un mese inizia il campionato di Serie D.

(Palermo, verso la Serie D: domani l’iscrizione, tra un mese l’inizio del campionato)

Per quanto riguarda la panchina, ormai, le intenzioni della società siciliana parrebbero aver preso una direzione precisa. Giovanni Bucaro è la prima scelta, ma il tecnico palermitano starebbe aspettando una chiamata per fare le valigie e tornare a casa. Al momento si trova nella propria abitazione a Foggia, dopo aver lasciato l’Avellino con cui qualche mese fa ha festeggiato la promozione in Serie C con tanto di vittoria dello scudetto dilettanti:

È fermo e aspetta, consapevole di essere nella lista dei papabili per guidare la rinascita rosanero. Senza uno squillo, però, c’è poco di cui sbilanciarsi. Appena arriverà la chiamata, presumibilmente entro domani, allora potrà coronare un sogno: quello di essere profeta in patria. Finora, però, l’unico contatto avuto risale allo scorso giovedì, con Rinaldo Sagramola. Qualche informazione sulla sua carriera, un sondaggio sulla disponibilità del tecnico e poco altro, senza che questa telefonata abbia per il momento avuto seguito Tanto basta per dare per certo l’interessamento da parte della dirigenza di viale del Fante, che evidentemente è concentrata sulle ultime formalità prima di poter chiudere l’accordo col tecnico“.

(Palermo, intesa quasi raggiunta con Bucaro: battuta la concorrenza di Lucarelli. La situazione)

Anche perché, sempre secondo quanto riferito dal noto quotidiano regionale, fra i nomi vagliati fino a questo momento, quello del coach palermitano sarebbe in pole position: Cristiano Lucarelli rientrerebbe sempre fra i papabili, ma lo stesso diretto interessato si sentirebbe defilato rispetto al concorrente siciliano, anche perché nemmeno lui ha ancora avuto dei contatti concreti con la società di Viale del Fante. Staccato al momento rispetto ai primi due, invece, Di Gaetano. Quel che appare sicuro è che il Palermo starebbe già cercando un allenatore senza prima aver sciolto il nodo relativo al ruolo di direttore sportivo:

Laneri rimane il nome in pole position per la poltrona dirigenziale di viale del Fante, anche se per il momento il canale non è caldissimo. Si era raffreddata anche la pista Castagnini, ma l’ex ds di Brescia e Vicenza è legatissimo a Sagramola e non è da escludere un suo rilancio per uno sbarco in Sicilia, dove ha già lavorato in passato (è stato calciatore e dirigente del Catania). Solo che tra le due correnti di pensiero presenti nel club, continua a guadagnare metri quella sulla «palermitanità» e, nel caso di Laneri, sulla «sicilianità». Un elemento che sembra aver indirizzato anche la scelta del tecnico, allo stato attuale delle cose, per la ripartenza dalla Serie D“.

(Palermo, l’ora delle scelte: Bucaro il prescelto in stand by. Rebus ds, Laneri in pole ma…)

Entro le ore 15:00 di oggi la Figc riceverà i documenti richiesti, nonché i quattro assegni da 250 mila euro ciascuno, grazie ai quali il nuovo Palermo di Mirri e Di Piazza sarà inserito a livello formale nel torneo di Serie D, poiché l’iscrizione vera e propria avverrà solo dopo la riunione del Consiglio direttivo della Lnd di mercoledì, basata su quanto la Covisod comunicherà oggi relativamente alle iscrizioni delle squadre che hanno guadagnato sul campo il diritto a partecipare al campionato dilettantistico. Una volta stabilito il numero totale delle partecipanti al suddetto torneo, si potrà infine passare alla composizione dei gironi e alla stesura dei calendari per la nuova stagione.

(Palermo, inizia la strada verso la Serie D: ancora da definire direttore sportivo e tecnico. Il punto)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy